Cerca

Un altro dirigente del Pdl: dimissioni realistiche, ma dopo più che Letta c'è Amato

Possibile un nuovo governo anche con Saccomanni dentro, per fare contento Draghi

Franco Bechis

Franco Bechis

Torinese classe 1962. E' stato direttore del Tempo, Italia Oggi e Milano Finanza. Attualmente è Vicedirettore di Libero
Un altro dirigente del Pdl: dimissioni realistiche, ma dopo più che Letta c'è Amato

 Sul sito di Libero tutti hanno ascoltato la telefonata del mattino di lunedì 7 novembre 2011 al dirigente Pdl che aveva annunciato le dimissioni del premier. Nessuno ha azzeccato l’identità, ma è iniziata lo stesso una caccia all’untore. Per questo motivo non ho messo l’audio della telefonata fatta subito dopo in cerca di conferme ad altro esponente di altissimo piano del Pdl

Domanda. E’ vero che si dimette entro martedì Silvio Berlusconi?

Risposta. Non credo che avvenga martedì, perché sul rendiconto non dovremmo rischiare. Le opposizioni vogliono solo fare un’operazione politica. Si astengono e vogliono fare emergere che noi non abbiamo più i numeri.

Domanda. Ma è vero che nel vertice notturno del Pdl sono state ipotizzate le dimissioni?

Risposta. Sì. C’erano due ipotesi. Una era quella delle dimissioni preventive. L’altra è quella che ha avanzato lo stesso presidente del Consiglio: chiedo che sia fatta passare la legge di stabilità con al suo interno i provvedimenti chiesti dall’Europa e annuncio che mi dimetto subito dopo quel voto. Questa strada a dire il vero era stata proposta dall’Udc, ma non so se oggi verrebbe accettata, perché hanno paura che lui si rinvigorisca. Comunque lui oggi è andato a Milano.

Domanda. A pranzare con i figli e con Fedele Confalonieri?

Risposta. Già, perché sono quelli che riescono a farsi ascoltare di più da lui.

Domanda.  Dicono che anche in famiglia siano spaccati fra chi appoggia dimissioni subito e chi dice di non farlo.

Risposta. Ma come c… fa a non dimettersi? Potrebbe farlo solo se avesse i numeri. Ma i numeri è chiaro a tutti noi che non ci sono. E lui più va avanti, più diventa debole. Perché ad esempio è già evidente che la soluzione Letta, possibile qualche giorno fa, diventa sempre meno praticabile. Forse già ora non più praticabile, perché l’Udc già si sfila.

Domanda. E se Letta non è ipotesi percorribile?

Risposta. la voce che circola è quella di un governo guidato da Giuliano Amato con Fabrizio Saccomanni al ministero dell’Economia, così Mario Draghi ci sarebbe particolarmente vicino.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog