Cerca

Il Senato vuole dare un'altra testata a Materazzi

Il calciatore dell'Inter querelò un senatore juventino. Che ha perso in tribunale e ora invoca l'immunità

Franco Bechis

Franco Bechis

Torinese classe 1962. E' stato direttore del Tempo, Italia Oggi e Milano Finanza. Attualmente è Vicedirettore di Libero
Il Senato vuole dare un'altra testata a Materazzi
Marco Materazzi aveva fatto un goal che poteva valere 10 mila euro tondi tondi. Vero che per uno abituato a guadagnare milioni da giocatore, 10 mila euro possono sembrare una bazzecola. Ma il calciatore che provocò la testata di Zinedine Zidane regalando all’Italia i mondiali del 2006 è di fatto disoccupato dal giugno scorso, quando si è fatto svincolare dall’Inter, e anche quella sommetta poteva fare comodo. Tanto più che il goal  Materazzi l’ha segnato decisamente in trasferta: davanti al tribunale di Roma dove il calciatore aveva portato un ex senatore di An, lo juventino Roberto Salerno, denunciato per diffamazione a mezzo stampa. La testata alla Zidane l’aveva infatti tirata proprio l’uomo politico nel 2005, al termine di una partita Inter-Juve in cui a Materazzi era scappato un fallaccio che a momenti azzoppava Zlatan Ibrahimovic, all’epoca bianconero. Fallo robusto, ma non da espulsione, tanto è che l’arbitro si era limitato al cartellino giallo. A fine partita però il tifosissimo Salerno volle commentare all’Ansa la partita. E andò giù pesante: “Il comportamento di Materazzi istiga la violenza, è paragonabile a quello di un delinquente comune che non è in alcun modo sanzionato dai direttori di gara”. Giù contumelie anche nei confronti dell’arbitro. Il difensore interista non ha voluto prendersi del “delinquente” gratis, e ha querelato. Al processo è pure saltato fuori che Ibrahimovic aveva perfino abbracciato negli spogliatoi il difensore un po’ rude, non prendendosela più di tanto per il fallaccio. Così l’ex senatore Salerno è stato condannato per diffamazione e il giudice-arbitro in tribunale è stato più che severo: due mesi di reclusione, pagamento delle spese processuali e risarcimento civile da liquidarsi in separata sede. La richiesta base era di 10 mila euro di provvisionale, che è stata però rimandata alla causa di merito. Certo, c’era ancora l’appello. Ma per quanto esperto di barricate difensive, Materazzi non avrebbe mai immaginato il catenaccio ideato dall’avversario. Salerno si è appellato al parlamento, invocando l’immmunità delle opinioni espresse nel 2005, quando era ancora parlamentare. Così in Senato è arrivata la richiesta di autorizzazione a procedere, e lì si rifarà il processo (questa volta politico) da capo. Con il rischio di andare di fronte alla Corte Costituzionale. Che partita!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Frankmanidiforbice

    19 Gennaio 2012 - 15:03

    Materazzi farà pure parte della casta. Ma è un cittadino come tutti gli altri, si è preso del delinquente gratis e giustamente ha querelato e vinto. Se il Senato copre tutto con l'immunità, è uno scandalo!

    Report

    Rispondi

  • Adrianavarela

    17 Gennaio 2012 - 11:11

    Bello scontro fra due caste. buttando via un fracco di soldi per una vicenda da bar sport. ma non potevano risolverla con un match a braccio di ferro? o con una partita a calciobalilla?

    Report

    Rispondi

blog