Cerca

I sondaggi di Floris dicono che La Rai è già in regime tecnico

Che cosa le piace di più di Monti? E cosa le piace di meno? Il "non mi piace" è tabù (o totem, versione Fornero)

Franco Bechis

Franco Bechis

Torinese classe 1962. E' stato direttore del Tempo, Italia Oggi e Milano Finanza. Attualmente è Vicedirettore di Libero
I sondaggi di Floris dicono che La Rai è già in regime tecnico
Chiunque saltabeccando con il telecomando da un canale all'altro ieri sera sia capitato su Ballarò- Rai Tre, mancando gli unici minuti da tv libera in libero paese (quelli di Maurizio Crozza), deve avere immaginato di trovarsi davanti a un cinegiornale del ventennio. Cerrto Mario Monti non ha il fisico da Benito Mussolini, e anche Corrado Passera è agli antipodi. Fosse stato però per Giovanni Floris glieli avrebbe disegnati di proprio pugno, pur di ritrarli pettorali in fuori a trebbiare il grano o impettiti in stazione a mostrare i treni che arrivavano in orario. Il culmine da nuovo regimetto tv Floris l'ha toccato però alla fine della trasmisisone, quando in coppia con uno stupefacente Nando Pagnoncelli, ha snocciolato quelli che venivano impudentemente definiti sondaggi. Il più clamoroso era fatto di tue tabelle. Prima domanda: "Che cosa le piace di più del governo Monti?". Seconda domanda: "Che cosa le piace di meno del governo Monti?". Li ho voluti vedere e rivedere, perchè non potevo credere che la Rai e uno dei suoi conduttori si abbassassero a operazioncine così da regimetto. Ma le domande erano proprio quelle. Non "che cosa le piace di Monti?", contrapposto a "cosa non le piace di Monti?", perchè è vietato anche solo immaginare che qualcosa di Monti possa non piacere a qualcuno. Al limite può piacere un po' meno, ma per forza deve comunque piacere. Mai visto in trenta anni di giornalismo una cosa così. Incredibili anche tutti gli altri sondaggi, che valevano come il due di picche perchè solo alla fine si è compreso che ogni risultato aveva alla base il fatto che il 45%, quasi uno su due, non rispondeva. Siccome si è liberi di non rispondere a Pagnoncelli-Floris, e non è un reato, come si è liberi di votare come si vuole senza confessarlo ai gerarchi del nuovo regimetto, è chiaro che qualsiasi risultato monco di metà degli italiani va preso con le pinze. Non  da Floris, che invece di premettere a ogni sondaggio come era suo dovere che non aveva risposto il 45% degli intervistati, se l'è presa con loro, facendogli pure la ramanzina dalla tv di Stato: "chi non risponde e non decide alla fine non conta nulla. Quindi se si andasse a votare oggi il risultato sarebbe quello deciso dal 55%". Viva il regimetto, e non preoccupatevi. Tramonterà anche quello....

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Adrianavarela

    26 Gennaio 2012 - 13:01

    Trasmissione vergognosa. Quel sondaggio citato è davvero da regime! Bravi

    Report

    Rispondi

  • Martina Rovati

    25 Gennaio 2012 - 20:08

    Visto anche io. E restata senza parole. Pronta a disdire il canone

    Report

    Rispondi

blog