Cerca

Povero Passera, sognava palazzo Chigi, insegue i cani che mordono

Il ministro corre dietro un risarcimento dovuto da Trenitalia a un passeggero

Franco Bechis

Franco Bechis

Torinese classe 1962. E' stato direttore del Tempo, Italia Oggi e Milano Finanza. Attualmente è Vicedirettore di Libero
Povero Passera, sognava palazzo Chigi, insegue i cani che mordono
Povero Corrado Passera. Ha lasciato uno stipendio milionario e pure svenduto le sue azioni Intesa San Paolo a prezzi da realizzo per buttarsi in politica. Quando è entrato nel governo di Mario Monti tutti hanno pensato che Passera sarebbe presto divenuto il vero protagonista dell'azione dell'esecutivo. Tanto da coltivare legitimamente l'ambizione di succedere a Monti a palazzo Chigi. Invece il superministro è di fatto scomparso. Ruolo pubblico vicino allo zero: hanno più esposizione politica di lui perfino sottosegretari come Dino Piero Giarda, Antonio Catricalà e Gianfranco Polillo. Fra i ministri è surclassato in audience non solo da Monti, ma anche da Elsa Fornero che sta diventando la vera star dell'esecutivo. Ora anche la beffa: i suoi sottosegretari sono troppo impegnati ed è toccato direttamente a Passera anche andare dietro a un caso di cronaca segnalato al ministero dal senatore dell'Italia dei Valori, Elio Lannutti: quello di un viaggiatore Trenitalia che il 23 dicembre 2008 mentre stava seduto in poltrona a leggere i giornali su un Frecciarossa, è stato prima aggredito e poi morsicato dal cane di un altro passeggero che non era rinchiuso nella gabbia portatile, nè tenuto al guinzaglio con regolare museruola come prescrive il regolamento Trenitalia. Il povero viaggiatore morso e beffato da oltre due anni cercava invano di avere da Generali Business solution, compagnia assicuratrice delle Ferrovie dello Stato, il rimborso danni. Lannutti ha scaricato la pratica sul povero Passera che il 13 marzo scorso gli ha scritto trionfante che tutto è andato a posto e il viaggiatorer risarcito della caviglia morsicata dal cagnaccio. Nella lettera Passera si dilunga su tutto il regolamento ferroviario per il trasporto cani, in prima o seconda classe, in cuccetta, di giorno e di notte con esclusione dei treni che partono fra le 7 e le 9 del mattino nei giorni feriali. Deve essere la sua passione. Ma certo, vedere un superministro con ambizione per palazzo Chigi inseguire con la museruola un ringhioso bastardino, fa una certa impressione...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Frankmanidiforbice

    30 Marzo 2012 - 22:10

    Subito dopo che lei ha scritto questo Corrado Passera ha parlato e sono crollati i mercati ed è schizzato in alto lo spread. Meglio quando non fa nulla

    Report

    Rispondi

  • Adrianavarela

    28 Marzo 2012 - 16:04

    In effetti Passera è stato finora il ministro più deludente dell'intero esecutivo. Se si pensa che toccava a lui la crescita...

    Report

    Rispondi

blog