Cerca

Anagrammi terzopolisti e direzione Pd

governo e terzo polo

Elisa Calessi

Elisa Calessi

Elisa Calessi nasce a Ferrara e studia a Bologna dove si laurea in Lettere Classiche. Voleva fare la latinista, poi la vita le ha fatto incrociare una redazione. E ha scoperto che la sua passione era il presente. Inizia alla Nuova Ferrara, poi al Resto del Carlino. Nel giugno 2000 arriva a Libero, dove è assunta e partecipa alla fondazione del quotidiano. Nel 2001 arriva a Roma dove diventa cronista parlamentare. Ha lavorato per un programma su Rai Due, ne ha condotto un altro su Red Tv. Partecipa come opinionista a vari talk show politici. Soprattutto scrive di politica.
Anagrammi terzopolisti e direzione Pd

Sono ricominciati i lavori alla Camera dei Deputati. Lavori di ogni tipo. Per esempio c’è chi fa anagrammi. L’altro giorno Peppino Calderisi, ex forzista, ora deputato del PdL, massimo esperto di riforme elettorali, ne ha composti quattro meravigliosi. Uno per ogni protagonista del Terzo Polo. Meritano citazione e divulgazione:

In fin però si candida re (Pier Ferdinando Casini)

Far forcing inani* (Gianfranco Fini)

Un crescer fallito (Francesco Rutelli)

Gloria mi fa gola (Giorgio La Malfa). 

*traduzione: fare pressioni vane (è un mix tra inglese e italiano aulico)

Per il resto, segnalo un importante dirigente del Pd (non chiedetemi il nome) che oggi, alle mie insistenti domande su cosa accadrà domani alla direzione nazionale del Pd, se si voterà, come e perché, mi ha fissato e mi ha detto: <Posso dirti una cosa? La direzione del Pd non serve a una sega>. Sic. 

Ho scoperto da dove arrivano le fantastiche mandorle della buvette di cui tutti si abbuffano (ovviamente anch'io, sì). Da Antonini, bar costisissimo in viale Mazzini. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Bobirons

    13 Gennaio 2011 - 07:07

    " ...fare di quest'aula sorda e grigia un bivacco... " A volte viene da pensare se il detto anglosassone - il diavolo che conosci è meglio del diavolo che non conosci - non sia equivalente ad uno nostrano - si stava meglio quando si stava peggio. Male che sia una dittatura, c'è da domandarsi se questo tipo di rappresentanza democratica non stia invece spingendo ad un'involuzione.

    Report

    Rispondi

  • bimbomix

    12 Gennaio 2011 - 22:10

    ommioddio

    Report

    Rispondi

blog