Cerca

Vietato disturbare i pedalatori

Area C tra propaganda e realtà

Mottola e Costa

Mottola e Costa

Lorenzo Mottola e Massimo Costa sono due giornalisti appena usciti da una convivenza lavorativa di cinque anni con un'elegante signora che ha avuto il grande merito di portare l'Expo a Milano e la pessima idea di tassare le auto dirette in centro (immortale il titolo "Scusa Letizia, ma sei scema?"). Oggi fanno parte, insieme ad un altro milione di persone, del magico mondo arancione creato dal nuovo sindaco. Proveranno a raccontarlo ogni giorno, tra un bicchiere e l'altro.
Vietato disturbare i pedalatori
Non si stancano mai di ripeterlo. L'Area C è cool, fantastica, pulisce l'aria e tiene lontani dal centro quei mostri a quattro ruote che alcuni zoticoni continuano ad utilizzare. Sindaco e assessori lo ribadiscono in tutte le salse da due mesi. L'ultima geniale mossa di marketing consiste nell'elencare, uno per uno, il numero di tagliandi acquistati. Grazie alla nota ufficiale diramata da Palazzo Marino, ora scopriamo che Giuliano Pisapia - residente in centro - ha utilizzato fin qui un solo ingresso gratuito. Tabacci ha già speso metà del bonus riservato agli abitanti in Area C (20 su 40), mentre l'assessore allo Sport Chiara Bisconti si è convertita alla bicicletta e ha scoperto che "Milano è più piccola di quanto crediamo". La sconosciuta assessore al lavoro Tajani va al lavoro in tram ("Prendo il 2 e il 14") e ha speso meno del papà di Area C Pierfrancesco Maran, il quale ha scucito 60 euro per comprare il carnet di ingressi multipli. I milanesi non ci dormivano al notte, ma finalmente sanno cosa pensano davvero gli amministratori della tassa d'ingresso. Ah, anche i commercianti del centro faticano a prendere sonno: gli affari calano e - come se non bastasse - gli ultrà arancioni hanno annunciato il boicottaggio delle vetrine cohe espongono volantini contrari ad Area C. Ma davanti alle loro proteste, la giunta perde la parola. Vietato disturbare i pedalatori.  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • davidebi

    19 Settembre 2012 - 08:08

    io sono un zoticone perchè sono costretto a fare 250km in macchina al giorno per lavoro.. questo essere prima di scrivere certe cose abbia rispetto per chi è costretto a prendere la macchina.. e che non dica: prendi il treno o la corriere o la metro perchè gli impegni con i clienti non sono sincronizzati con gli orari dei mezzi pubblici.. zoticone è chi non ha rispetto per gli altri e vive in un mondo suo.. w gli automobilisti..

    Report

    Rispondi

  • cavallotrotto

    16 Settembre 2012 - 14:02

    a pisapia e seguaci auguro di cuore di rompersi le gambe , di ammalarsi di cuore , così non potranno andare in bicicletta , non solo ma che non dovranno nemmeno avere il tagliando degli invalidi . e auguro a loro che la loro casa finisca fra le opere a rischio caduta , non solo ma dovranno andare ad abitare nei cartoni sotto i ponti . che cattiverie ho detto vero ? forse perchè sono invalida e non posso entrare nelle zone vietate perchè pur avendo il tagliando invalidi , non mi sono denunciata per l'ingresso . andate al bagno tutti insieme .ricordo che dopo le paralimpiadi , dove gli atleti sono stati grandi , il presidente invalidi , ha detto " spero si ricordino di noi anche dopo le gare " speranza caro presidente , anzi hanno fatto peggio. auguri

    Report

    Rispondi

blog