Cerca

Tassa del lusso sulle pellicce

Proposta della Lav: Iva al 46%

Eliana Giusto

Eliana Giusto

Eliana Giusto, giornalista, sono nata e vivo in mezzo alla giungla milanese. Amo tutti gli animali, specialmente quelli che vivono a casa mia: due gatti e un bimbo che gattona più di loro. In questo blog bestiale, i protagonisti sono proprio loro, quelli che vanno a quattro zampe e che amano senza niente in cambio.

Tassa del lusso sulle pellicce
Sono un vero lusso, sono inutili, poco etiche e tanto tanto crudeli. Per questo potrebbero essere tassate. La proposta della Lega anti vivisezione di applicare un'Iva doppia del lusso (quindi il 46%)  su tutti i prodotti contenenti pelliccia animale non è così assurda. Dice Simone Pavesi, responsabile Lav Campagne Pellicce: «In una società che dovrebbe vietarne produzione e commercio è quantomeno funzionale a promuovere e orientare lo sviluppo di attività economiche e di consumi alternativi a quelli che vertono sull'utilizzo di esseri senzienti e allo stesso tempo a contribuire a risanare le casse dello Stato».
Mica male se si pensa che solo in Italia 200 mila animali tra visoni e cincillà vengono condannati a morte per consentire a signore poco sensibili la sfilata in centro con l'ultimo modello di pelliccia. Nel 2010, comunica la Lav, «il consumo di prodotti in pelliccia (capi interamente in pelliccia, accessori in pelliccia e capi misti in pelliccia/altro materiale) è stato pari a 1.365 milioni di euro, al netto di esportazioni e importazioni. Ciò significa che se fosse stata applicata al consumatore finale una tassa del 46% per ogni capo, lo Stato avrebbe incassato 627,9 milioni di euro».
In attesa che qualcuno possa prendere in seria considerazione la proposta, sabato 10 e domenica 11 in centinaia di piazze italiane gli animalisti daranno il via alla raccolta di firme per ottenere una legge nazionale che vieti l’allevamento, la cattura e l’uccisione di animali per la produzione di pellicce. Perché, in fondo, nel nostro Paese l’uccisione di animali senza necessità è un reato (art.544-bis del codice penale). Ma questa bella legge non viene applicata. Peccato che la pelliccia proprio necessaria non è.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    10 Dicembre 2011 - 05:05

    c'erano ancora i compagnucci..a queste le ficcavano direttamente in manicomio...e a divertirsi sul serio erano proprio loro.Un po meno le matte.

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    10 Dicembre 2011 - 05:05

    i casini che fanno i no tav in val Susa saranno solo un ricordo.Non perche' li metteranno a tacere,ma per il fatto che la Tav non si farà proprio.Ha un senso farla quando l'Europa si sta sfaldando? Scommettiamo?

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    10 Dicembre 2011 - 05:05

    Le signore che sfoggiavano le pellicce alla Scala,sanno forse come è stato sfrattato il legittimo proprietario?Su queste cose l'iva ci vorrebbe al 70%

    Report

    Rispondi

blog