Cerca

Cinghiale inseguito in mare e ucciso dai bracconieri

Denuncia della Lipu ai carabinieri

Eliana Giusto

Eliana Giusto

Eliana Giusto, giornalista, sono nata e vivo in mezzo alla giungla milanese. Amo tutti gli animali, specialmente quelli che vivono a casa mia: due gatti e un bimbo che gattona più di loro. In questo blog bestiale, i protagonisti sono proprio loro, quelli che vanno a quattro zampe e che amano senza niente in cambio.

Cinghiale inseguito in mare e ucciso dai bracconieri
Per scappare ai fucili e alla foga dei cacciatori si è persino buttato in mare. Ché forse, in mezzo alle onde, sarebbe riuscito a sparire dal mirino delle armi. Ma per il cinghiale non c'è stato nulla da fare. I bracconieri non si sono arresi nemmeno di fronte a un animale indifeso e terrorizzato e con una tenacia da fare invidia a Rambo sono saltati su una barca per continuare la caccia fra le onde. Finché non gli hanno sparato a bruciapelo e lo hanno ucciso.
Nelle foto (pubblicate sul sito www.lipu.it) che sono riusciti a scattare alcuni volontari della Lipu che stavano facendo un'escursione a Porto Ercole, si vede tutta la barbarie di questi uomini (?). «Eravamo in tre, con i binocoli e le macchine fotografiche, vicino alla fortezza», commenta Marco. «Abbiamo sentito numerosi spari e poi visto il cinghiale lanciarsi in mare; i cacciatori intanto con un telefonino chiamavano un'altra persona che, successivamente, con una barca si è avvicinata alla costa». «Uno di essi - continua il testimone- è salito a bordo con il fucile mentre il cinghiale, spaventato, nuotava nel mare cercando di allontanarsi. Ma la furia del cacciatore si è riversata sull'animale: uno, due e più colpi, la scena dell'animale sanguinante issato a bordo. Raccapricciante… Abbiamo chiamato prima la Forestale e la Polizia Provinciale, ma non avevano uomini da inviare. Poi è intervenuta una pattuglia dei Carabinieri».
La violazione, infatti, è punita dall'articolo 30 lettera i della legge 157/92 con «l'arresto fino a tre mesi o l'ammenda fino a lire 4.000.000 (sì la legge è ancora in lire) per chi esercita la caccia sparando da autoveicoli, da natanti o da aeromobili». «Siamo di fronte ad una violazione penale gravissima», spiega Fulvio Mamone Capria, presidente Lipu Birdlife Italia. «Cacciatori che sparano da una barca per finire un cinghiale che scappa terrorizzato non ha niente a che vedere con il prelievo venatorio. Questo è bracconaggio e la Lipu si presenterà parte civile nel processo a carico di queste persone che, mi auguro, vengano presto individuate dai Carabinieri».
Perché un conto è la caccia fatta con tutti i crismi (che già così mi fa comunque gelare il sangue), un altro l’accanimento crudele e spietato contro animali indifesi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sterlepietro

    23 Dicembre 2011 - 07:07

    Se diventasse legale anche il nobile sport della "caccia ai cacciatori" io mi iscrivo subito! In fondo la caccia e' uno sport no? Bene! Dopo mi diverto un po io. Come gli sparerei! Dio se gli sparerei. Tanto e' uno sport...giusto? Sarebbe bello vedere un cacciatore in mare...indifeso che verca disperatamente di salvarsi e poi...boom...e poi un altro bam...e tirarlo su sanguinante...quanto godrei.

    Report

    Rispondi

  • profpietromelis

    13 Dicembre 2011 - 20:08

    A Eliana Giusto era il minimo che potesse fare aggiungendo il punto interrogativo dopo "uomini" in riferimento a due individui appartenenti solo biologicamente alla specie umana. E' incredibile dove possa arrivare la crudeltà di questi due individui che rincorronoun povero cinghiale che, andando contro la suanatura, per salvarsi si getta in acqua dimostrando tanta, ma purtroppo inutile, intelligenza di fronte alla vigliaccheria di due individui la cui vita vale meno di quella di un cinghiale. Qui non posso aggiungere altro per motivi di censura. Purtroppo. Ma nel mio blog ho riportato la notizia commentandola liberamente. La legga. pietromelis.blogspot.com

    Report

    Rispondi

  • profpietromelis

    13 Dicembre 2011 - 20:08

    A Eliana Giusto era il minimo che potesse fare aggiungendo il punto interrogativo dopo "uomini" in riferimento a due individui appartenenti solo biologicamente alla specie umana. E' incredibile dove possa arrivare la crudeltà di questi due individui che rincorronoun povero cinghiale che, andando contro la suanatura, per salvarsi si getta in acqua dimostrando tanta, ma purtroppo inutile, intelligenza di fronte alla vigliaccheria di due individui la cui vita vale meno di quella di un cinghiale. Qui non posso aggiungere altro per motivi di censura. Purtroppo. Ma nel mio blog ho riportato la notizia commentandola liberamente. La legga. pietromelis.blogspot.com

    Report

    Rispondi

blog