Cerca

Truppe tedesche in Grecia

Così la Merkel invade Atene

Martino Cervo

Martino Cervo

Martino Cervo, 30 anni, è caporedattore centrale di Libero dove lavora da quando lavora. Qui si occupa di racconti ameni e no, come diceva Guareschi, cui indegnamente si ispira. Co-autore di un libercolo su Obama, è su Twitter. Ma non sporca.
Truppe tedesche in Grecia
Come si dice Befera in tedesco? Tra qualche settimana i greci dovranno domandarselo. Un articolo del Financial Times (qui il link) informa della prossima iniziativa patrocinata da Berlino che, sempre secondo la bibbia economico-finanziaria, avrebbe trovato i primi assensi ad Atene: una squadra speciale di agenti teutonici (oltre un centinaio) sarebbe pronta a "invadere" la Grecia per supportare il governo nella lotta all'evasione. La misura ha una certa algida e terribile coerenza: Berlino ritiene, non senza qualche ragione, che i soldi da recuperare ad Atene siano, in fondo, quelli dei contribuenti tedeschi. Però chi teme un'ingerenza della Merkel in Europa ha, ecco, un motivo in più per avere paura. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • LADONNADISION

    29 Febbraio 2012 - 13:01

    .............trovo lodevole questa, chiamiamola discriminazione sul facciamoli pagare tutto e subito!!! Le scuole parificate come gli oratori sono luoghi di aggregazione dove alcuni dei nostri ragazzi sono passati o passeranno la loro prima gioventù. Mio figlio ed io, che abbiamo frequentato le scuole elementari dalla Suore Stigmatine portiamo nel nostro DNA una traccia indelebile di quella che viene chiamata dalle nostre parti "buona creanza". Si distinguono i ragazzi delle scuole private, si distinguono in ogni dove, per la buona educazione, per il comportamento generoso e per il parlare netto e forbito. Mi dispiace per i miei nipoti, nel luogo dove abitano non ci sono scuole di questo tipo e già si avverte il lassismo delle scuole comunali!!! Grazie Monti. grazie di lasciare che queste scuole abbiano ancora un poco di vita.

    Report

    Rispondi

  • LADONNADISION

    29 Febbraio 2012 - 12:12

    ........fra noi e loro di morti e morenti ne abbiamo fatti!!!! Se, bontà loro e nostra li risarciremo tanto quanto non guasterebbe no?

    Report

    Rispondi

  • martinocervo

    29 Febbraio 2012 - 11:11

    @agosman Vero, però uno dei problemi principali di questi anni è stato applicare la ricetta della Grecia (che ha truccato i conti) a tutti gli altri. @rosenkranz66 Prego? @brunom Suggestione sottile e inquientante. Grazie (mc)

    Report

    Rispondi

  • agosman

    29 Febbraio 2012 - 09:09

    Quando si vive al di sopra delle proprie possibilità economiche può accadere questo e anche di peggio. Se si spende più di quanto si incassa e per non rinunciare alle spese si ricorre al debito poi si devono pagare anche gli interessi. E se le entrate non aumentano e le spese continuano ed anzi aumentano ci si avvita in una spirale infernale. Questo succede nelle famiglie con genitori e figli incoscienti e succede agli Stati quando a governare ci sono degli sciagurati. L'Italia si è cacciata nella stessa situazione della Grecia anche se noi possiamo contare sulla ricchezza dei cittadini. La Germania fa i propri interessi e fa benissimo e noi dovremmo fare altrettanto in casi del genere. C'è troppa gente a cui piace la bella vita della cicala e scarica sulla maggioranza che vive da formica, pretendendo che a pagare il conto siano costoro. Se io formica faccio sacrifici e mi astengo da viaggi, ferie, vacanze, cene e pranzi al ristorante, macchine nuove e risparmiando mi assumo un debito per acquistare una casa o una seconda casa per un figlio, non puoi punirmi con tasse e balzelli supplementari per far cassa e pagare i debiti delle cicale. Piuttosto taglia affinchè le cicale smettano di cantare. Forse non diventeranno formiche ma almeno queste ultime saranno sollevate dagli oneri causati dalle cicale.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti