Cerca

Bossi, leader inedito: chiede scusa

Quale altro politico avrebbe sconfessato i figli?

Martino Cervo

Martino Cervo

Martino Cervo, 30 anni, è caporedattore centrale di Libero dove lavora da quando lavora. Qui si occupa di racconti ameni e no, come diceva Guareschi, cui indegnamente si ispira. Co-autore di un libercolo su Obama, è su Twitter. Ma non sporca.
Bossi, leader inedito: chiede scusa
La folla urlante, le teste offerte in pasto, una inevitabile eppure faticosissima successione catalizzata dalle inchieste. Della serata un po' confusa di Bergamo e dell'"orgoglio leghista" resterà tutto questo, ma soprattutto un'altra cosa: un leader politico ha chiesto scusa. In qualche modo schiacciato dai meccanismi del suo stesso partito, Umberto Bossi - pur sostenendo una colorita teoria del complotto smentita da Maroni e Zaia dopo pochi minuti - ha spalmato frasi clamorose dopo aver incolpato un morto (Balocchi) per le presunte colpe di  Belsito: "Ho sbagliato coi figli, li ho rovinati, dovevo mandarli a studiare all'estero". La seduta di autocoscienza collettiva con riflessi da purga pop, oltre a consegnare di fatto a Maroni un movimento in grave difficoltà che resta a rischio scissione, ha regalato uno spettacolo del tutto originale: un uomo che fino a sei mesi faceva il bello e il cattivo tempo in Italia è andato a prendersi i fischi di 5mila persone al solo nominare suo figlio. Si è scusato per i danni fatti da quanto portano il suo cognome. Messinscena? Può anche darsi, ma quanti l'avrebbero fatto?
Di qui a capire cosa la Lega farà di un partito "ripulito" (alleanze, obiettivi, programmi), per ora ce ne corre.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Leonardomazzoli

    13 Luglio 2012 - 00:12

    Altro che scusarsi, io che l`ho anche votato lo vorrei vedere ridare di tasca sua tutti soldi che la sua combriccola si e` rubato. Possibile che non c`e nessun procuratore che indaghi su questo ladrone e la sua famiglia?

    Report

    Rispondi

blog