Cerca

La Lega di lotta lascia le poltrone e cerca le stanze

a caccia di spazi

Matteo Pandini

Matteo Pandini

Nato a Lecco ma cresciuto a Bergamo, ho lavorato anche per il Giorno, E Polis e altri quotidiani e agenzie varie. Vivo tra Milano e le Orobie. A Libero mi occupo prevalentemente di politica, in particolare di Lega Nord e argomenti simili. Mi vanto di lavorare con Alessandro Giorgiutti e con il grafico Ciro Iafelice. Sono interista-integralista. Stimo moltissimo anche i colleghi del sito Claudio Brigliadori e Andrea Tempestini, sotto la cui dettatura sto scrivendo il mio curriculum per la quinta volta (prima non gli andava bene perché non li avevo citati). Ora posso riavere la mia merendina?
La Lega di lotta lascia le poltrone e cerca le stanze
E’ partita la corsa all’ufficietto. Con il passaggio all’opposizione, i leghisti sono stati costretti a traslocare. Tra i senatori, hanno messo le tende al Palazzo dei Beni Spagnoli - dove alloggiano i partiti - l’ex ministro alla Semplificazione Roberto Calderoli (che può contare su due segretarie) e l’ex viceministro alle Infrastrutture Roberto Castelli. Ha recuperato una stanzetta pure il sottosegretario uscente all’Interno, Michelino Davico. Grandi manovre pure a Montecitorio, dove gli ex sottosegretari Sonia Viale e Francesco Belsito non sono parlamentari ma stanno cercando di recuperare una scrivania. Belsito ci tiene particolarmente perché è anche amministratore federale nonché tesoriere della Lega, e tra le altre cose gestisce i rimborsi elettorali e altre cosucce non proprio di secondo piano. Roberto Maroni, invece, ha già trovato una stanza d’appoggio. I traslochi sono appena iniziati, perché i tagli alla politica hanno consigliato alla Camera di ridurre gli spazi dei deputati in quel di Palazzo Marini, una struttura a due passi da Montecitorio e dove pochi metri quadrati e un tavolino non si negavano a nessuno. La conseguenza è che alcuni onorevoli – non solo leghisti, ovviamente - abbandoneranno i locali per trovare alternative. I padani stanno già pensando a come riorganizzarsi negli spazi destinati al gruppo, in via Uffici del Vicario 21 e che sono letteralmente attaccati alla Camera. E’ lì che ha uno spazio il capogruppo Marco Reguzzoni e – ovviamente – il leader Umberto Bossi. Ed è lì che sono organizzate le riunioni più importanti. Inutile dire che questi locali sono i più ambiti...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog