Cerca

Bimbi poveri in prestito

L'umanissima Germania farà assaggiare ai ragazzini senza un soldo il sapore della borghesia

Simona Bertuzzi

Simona Bertuzzi

Cronista, ho sempre pensato ai figli come un ingombrante accessorio della vita adulta. Poi ho conosciuto Viola e mi sono innamorata. Amo viola, le gerbere, il mio lavoro, le mamme in bilico e i papà pasticcioni. Odio le "dolci attese", "l'orologio biologico" e "i corsi preparto". Questo blog racconterà storie, attimi e follie delle famiglie di oggi. Ma non sarà un blog per mamme perché non si dica "cazzo non si parla mai dei papà...".
Bimbi poveri in prestito
L’umanissima Germania ha deciso che farà assaggiare ai ragazzini senza un soldo l’inebriante sapore della borghesia. Li preleverà dalle loro case scalcinate, li ripulirà a dovere e li vestirà con l’abitino della festa. Infine metterà nelle loro tasche  20 euro la settimana e  via! spediti nel magico mondo della Berlino bene. Due, tre, quattro ore al massimo. Il tempo di accorgersi che la vita non è solo vestiti sgualciti, camerette che puzzano di chiuso, giocattoli usati e quelle orribili bistecche gommose che le loro povere mamme si ostinano a comprare al discount sotto casa. Ma anche stanze  luminose, jeans firmati, macchinine radiocomandate e un fragrante pane alle noci servito caldo e  imburrato. Fa paura il progetto Neukollner Talente di Berlino. E sorprende che già 106 ragazzini e altrettante famiglie abbiano aderito entusiaste. L’ideatrice ci tiene a specificare che l’iniziativa non coinvolgerà papà e mamme della borghesia berlinese ma venti-trentenni dei quartieri chic. Bamboccioni,  probabilmente senza arte né parte, che in attesa di prendere posto nell'aziendina di papà hanno voglia di giocare al fratello perfetto con   un ragazzino di otto-docici anni. In fondo - sentenziano gli assistenti sociali - guardare in faccia la povertà potrebbe far bene anche a loro. Per non lasciare nulla al caso i tedeschi hanno anche predisposto una guida di sopravvivenza per novelli "padrini": vietato comprare al bambino ("il fratellino" lo chiamano loro) troppi vestiti e regali; vietato portarlo al cinema o metterlo davanti alla televisione. Meglio leggergli una favola e chiacchierare un po’ con lui. Come se leggere e chiacchierare fossero una prerogativa dei borghesi. Le regole naturalmente valgono anche per il bambinetto: mai pensare che il padrino ricco sia una sorta di baby sitter, mai chiedergli di fare i compiti con lui, mai disturbarlo più del necessario. L'unica cosa che si sono dimenticati di aggiungere è un'avvertenza alla famiglia disagiata: prepararsi ad accogliere il bambino al rientro dal mondo incantato quando li guarderà in faccia più incazzato che mai e li manderà al diavolo dal letto della sua cameretta che puzza di stantio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cavallotrotto

    03 Febbraio 2012 - 10:10

    vedi caro vivalaclio , queste scelte si fanno anche in italia . mai sentito parlare di AFFIDO? è una gran porcata . prendono un bambino da una famiglia di drogati , ubriaconi , prostitute , aggiunga ciò che vuole , e il bimbo capita nella casa perbene , vietato dai genitori affidatari farsi chiamare papà e mamma . se al bimbo va bene , torna nella sua sgangherata famiglia dove mamma si droga e prostituisce e papà è ubriaco 24 ore al giorno , dopo 3 anni lo portano via dai genitori affidatari . e qui scoppia il dramma . la mamma affidataria si ammala perchè ha chiesto l'adozione , non gliela danno perchè i genitori naturali sono vivi , e il bambino cosa pensate che diventi ? a voi l'ardua risposta , mica tanto ardua , sarà un delinquente . e i giudici dei minori saranno felici perchè hanno fatto vedere al piccolo innocente come si vive al di fuori della droga , prostituzione . è un insegnamento di vita !!! io aggiungo " che Dio vi premi all'inferno "eleonora

    Report

    Rispondi

  • vivalaclio

    25 Gennaio 2012 - 13:01

    Ho letto.... e mi manca un pezzo fondamentale per esprimere un'opinione.... Quale sarebbe lo scopo dichiarato dell'iniziativa? Così.... davvero non me la spiego e concordo sulla tua conclusione. Ma...saranno davvero così sconsiderati e superficiali gli infallibili panzer?!

    Report

    Rispondi

blog