Cerca

"Se la maestra ha l'accento del Sud....."

Le folli scelte delle mamme

Simona Bertuzzi

Simona Bertuzzi

Cronista, ho sempre pensato ai figli come un ingombrante accessorio della vita adulta. Poi ho conosciuto Viola e mi sono innamorata. Amo viola, le gerbere, il mio lavoro, le mamme in bilico e i papà pasticcioni. Odio le "dolci attese", "l'orologio biologico" e "i corsi preparto". Questo blog racconterà storie, attimi e follie delle famiglie di oggi. Ma non sarà un blog per mamme perché non si dica "cazzo non si parla mai dei papà...".
"Se la maestra ha l'accento del Sud....."

Il paese è Castello di Serravalle, in provincia di Bologna. Ed è talmente piccolino che la gente ha preso alla lettera il proverbio e si è messa a mormorare di gran gusto. Dapprima, una frase buttata lì fuori da scuola. Poi un pettegolezzo un po’ più articolato. Il pettegolezzo diventa passaparola obbligato. Si ingigantisce, si deforma. E in un attimo è crociata. Contro lei, Michela, che insegna al nido. Ed è talmente bella da mandare di traverso la colazione alle mamme ogni volta che la vedono. Che fa la modella a tempo perso e allora “non vorrai mica mandare tuo figlio a lezione da una modella?” Sembra di vederle le mammine la mattina fuori dai cancelli della scuola: “Hai visto Michela?” Hai visto come è vestita?” “Sono andata su internet e ho trovato le sue foto”. “Una vergogna, possibile che  insegni ancora?”. Già hai visto? Loro col culone e i vestiti larghi del post gravidanza, lei affusolata, materna e bellissima. Non serve essere psichiatri per capire che è un caso di invidia conclamata.  Michela è forte e se ne frega. Continua a fare la maestra e lo fa bene.  Nasetti sporchi, pannolioni da cambiare, capricci, le altre sbuffano, lei si diverte da matti e non cambierebbe per nulla al mondo il suo lavoro. Anzi annuncia che aprirà una scuola tutta sua. Il punto qui non è difendere Michela che sicuramente troverà baldanzosi paladini pronti a fronteggiare l’oscurantismo delle mamme di provincia. Il punto sono loro, le mamme. Mi capita di dover scegliere in questi giorni la scuola materna di mia figlia. Pare che uno dei criteri di selezione più diffusi nel paesino in provincia di Milano in cui abito sia l’accento delle maestre. Non la bravura, non la competenza, non la capacità di accudire il bimbo come se fosse a casa e prepararlo al meglio alla scuola elementare. Ma l’accento delle signore maestre. Addirittura quando chiedi  consigli al riguardo è un coro sconsolato: “Guarda, sono tutte di livello – si mormora nei corridoi e fuori dalle aule con un finto imbarazzo - ma quella di via ... è la meno richiesta perché pare ci siano troppe maestre del sud e sai  le mamme non vogliono che i bimbi prendano l’accento. Capito? Che detto in un paesino dove la maggior parte delle persone arriva proprio dal Sud e dove trovare un milanese di estrazione è facile come trovare una stella alpina è alquanto ributtante. Dunque non se la prenda Michela. Lei è alla gogna per la sua bellezza. Ma altrove va anche peggio.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • LADONNADISION

    19 Marzo 2012 - 12:12

    tu volevi andare a trombare, e invece t'hanno trombato!!!! Bellino, la t'è andata male a sparlare del nostro Renzi. Bene, bene, bene.......

    Report

    Rispondi

  • LADONNADISION

    19 Marzo 2012 - 12:12

    Non riesco a scinderlo da Gunther Grass e dalle napole delle SS. Se qualcuno ha letto Le roi des ulnes sa il perchè!!!

    Report

    Rispondi

  • LADONNADISION

    19 Marzo 2012 - 12:12

    talmente nascoste che non si vedono!!! E' tanto sexy quanto una tavola di legno!!!

    Report

    Rispondi

  • LADONNADISION

    19 Marzo 2012 - 12:12

    ......Maurizio Costanzo Show!!! Quando il Costanzo, accidenti a lui portò alla luce questo brutto uomo (di dentro e di fuori) molti ne rimasero ammaliati. Si sa, il male irretisce, cattura, carpisce le menti più deboli, e lo sgarbi in questo caso ha fatto il suo. Vedere sul piccolo schermo questo uomo bipolare che a tutti i costi voleva sfondare, mi urtava così tanto che dovetti immediatamente cessare di vedere tale programma. Programma che per le persone che ha mandato in giro a far danni per l'intelletto e le forme si poteva chiamare benissimo CIRCO BARNUM!!! Bisogna discernere però il grano dal loglio c'è lo sgarbi uno e lo Sgarbi due. Dell'uno abbiamo già parlato e mi fa schifo!!! Dello Sgarbi due, persona seria competente, critico d'arte eccelso, non posso dire altro che bene, ma come tutti i ma ......le persone bipolari sono cosi! Prendere o lasciare. Ed io, che non ho pazienza, LASCIO.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog