Cerca

Il coraggio di Azina di uscire dall'incubo

La storia di una giovane donna marocchina che ha denunciato le botte del marito

Brunella Bolloli

Brunella Bolloli

Alessandrina, vivo a Roma dal 2002. Ho cominciato a scrivere a 15 anni su giornali della mia città e, insieme a un gruppo di compagni di liceo, mi dilettavo di mondo giovanile alla radio. Dopo l'università tra Milano e la Francia e un master in Scienze Internazionali, sono capitata a Libero che aveva un anno di vita e cercava giovani un po' pazzi che volessero diventare giornalisti veri. Era il periodo del G8 di Genova, delle Torri Gemelle, della morte di Montanelli: tantissimo lavoro, ma senza fatica perché quando c'è la passione c'è tutto. Volevo fare l'inviata di Esteri, ma a Roma ho scoperto la cronaca cittadina, poi, soprattutto, la politica. Sul blog di Liberoquotidiano.it parlo delle donne di oggi, senza filtri.
Il coraggio di Azina di uscire dall'incubo
Si chiama Azina e viene del Marocco, ma con la famiglia abita già da tempo in una città di provincia del nord. E' giovanissima e bella. Si è sposata a sedici anni  con un bel ragazzo, Mohamed. Dalla loro storia nasce una figlia. Poi comincia il dejà vu: botte, violenze, segregazione in casa, soldi pochi, niente, quando ci sono. Mohamed non lavora, sta al bar per i suoi traffici, ogni tanto viene il padrone di casa a chiedere inutilmente l’affitto. Azina torna dai suoi genitori, il marito la va a riprendere con le buone e le cattive. Azina ha la forza di denunciarlo, ma viene abbandonata dalla sua famiglia, impossibile concepire una moglie che tradisce così il proprio sposo, ribellandosi ai doveri coniugali. Siamo nel 2011, ma è come non fosse cambiato nulla per chi ha queste credenze.
Oggi Azina lo ha denunciato per maltrattamenti ed abbandono della figlia, ma ancora diserta l’aula per paura. Mohamed nel frattempo, ha truffato i datori di lavoro, i padroni di casa, ha portato la sua famiglia marocchina a farsi curare gratis negli ospedali italiani, ha commerciato droga, ha guidato ubriaco, ha rubato, ha percosso e maltrattato la moglie, ha subìto processi e condanne, senza mai comparire in tribunale, intanto giudici pagati dai cittadini italiani lo difendono mentre  tranquillamente passa i suoi pomeriggi nei bar in una normale cittadina della ricca provincia del settentrione d'Italia. Ci si chiede: non è un po' troppo? Sì, è troppo. E' sempre troppo doloroso vedere la sofferenza di una giovane donna, che ora non può contare su nessuno, se non sulla propria forza. Ad Azina, che ha avuo il coraggio di denunciare, è andata meglio della sua connazionale Sanaa Dafani (in foto), sgozzata in un bosco, vicino a Pordenone, dal padre che ostacolava la sua storia d'amore con un italiano. E' andata meglio che alla pachistana Hina, che voleva vivere all'occidentale e si è trovata di fronte il coltello del padre e degli altri uomini della famiglia. Sacrificata nell'orto come un animale in nome della religione islamica. Sepolta con la testa rivolta alla Mecca. E non si sa ancora chi sono i responsabili dell'orrenda morte di Fatima Mostayd, 19 anni, massacrata a Dronero con 16 coltellate al torace. In Piemonte era arrivata da poco più di un anno, pr fare l'operaia in una ditta di biciclette.         

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Lupetto99

    20 Maggio 2011 - 00:12

    La signora Moratti ha perso x la cattiva gestione di Milano, x i toni accesi di alcuni candidati al consiglio come Lassini, x le polemiche sulla giustizia di Berlusconi e perchè la gente ha voglia di vedere un futuro migliore, rispetto al degrado in cui vivono nelle periferie. La Milano capitale dei palazzinari e della ndrangheta deve essere smantellata per far posto a quei vecchi valori di solidarietà e lavoro che la rendeva un paradiso per chi voleva fare impresa. Non so se Pisapia sia adeguato , la cosa sicura e che la Moratti non lo è.

    Report

    Rispondi

  • Lupetto99

    20 Maggio 2011 - 00:12

    Mi mettono tristezza le storie di queste ragazze, siamo in Italia o siamo in un mercato degli schiavi? Le donne costrette ad aver paura della propria famiglia che le vorrebbero schiave e sottomesse , dovrebbero poter contare su uno stato che faccia applicare seriamente le sue leggi senza attendere il morto. Per fortuna ogni tanto qualcuna riesce a sfuggire a quella sorte orribile.

    Report

    Rispondi