Cerca

Il Ct dà i numeri

Difesa a quattro e "Italia da 7"
Prandelli si crede già in finale

Cesare in estasi per la qualificazione: "Possiamo battere tutti". Sui britannici: "Caratterialmente forti". Quasi come noi...
Cesare Prandelli

Il ct degli Azzurri dà i numeri

Soddisfatto, soddisfattissimo, pure troppo. Cesare Prandelli sprizza gioia per la qualificazione ai quarti, nonostante la sofferenza e la brutta prestazione della Nazionale. Il ct prova quasi a negare l’evidenza: «Con l’Irlanda la prestazione meno bella finora? Sì, ma solo per i primi 20’», assicura il  tecnico, «poi abbiamo fatto la partita per vincerla, riuscendoci. L’Irlanda non ha creato molto, a differenza nostra». Voto alto quindi per la squadra, «un sette» in un girone «non facile», nonostante la trepidazione fino all’ultimo secondo di Spagna-Croazia. Più “sincero” è forse il pellegrinaggio i frati camaldolesi di Cracovia per rispettare la promessa fatta il 5 giugno scorso in caso di passaggio del turno: venti chilometri in piena notte, tre ore e mezza di cammino con alla guida lo stesso Prandelli e il vicepresidente Figc, Demetrio Albertini. 

Erano forse i quarti dunque il vero obiettivo di questa Nazionale. Oltre a farsi amare dai tifosi, ovviamente. «Venti milioni davanti alla televisione? Significa che questa Italia fa innamorare», sorride un Prandelli rasserenato, «è una squadra con il cuore, questa mia Nazionale, e con carattere». Una gioia testimoniata anche da Gigi Buffon: «Il giorno dopo è sempre particolare, nell’anima provi un orgoglio e una gioia indescrivibile», le parole del capitano su Facebook. 

E allora avanti sulla strada tracciata, alla ricerca del gioco («dobbiamo avere un’idea, non limitarsi a cercare il risultato», ricorda il ct), con il trequartista («Diamanti ha voglia di mettermi in difficoltà») e con la difesa a 4, nonostante l’infortunio di Chiellini. «Inconsciamente la squadra contro la Russia giocava come se difendessimo a tre»,  ricostruisce l’allenatore azzurro, «a quel punto ho pensato alla tranquillità dei miei giocatori e ho scelto De Rossi nella difesa a e perché volevo un giocatore universale. In questo momento, invece, con la protezione del centrocampo, la difesa va molto bene». 

Talmente bene che Prandelli non mette limiti alle rinnovate speranze azzurre: «Nei quarti possiamo battere chiunque», rassicura tutti il ct. «L’Inghilterra? Caratterialmente è forte, e ha giocatori di fantasia». Basta che il nostro Cesarone non stia dando i numeri...

di Francesco Perugini

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dbell56

    20 Giugno 2012 - 14:02

    Anch'io sogno che l'Italia arrivi in finale e magari vinca il titolo continentale! E chi è l'italiano che non lo desidera. Sono però concorde con il motto del Trap: non dire gatto se non l'hai nel sacco ovvero, non vendere la pelle dell'orso prima che tu non l'abbia preso!!

    Report

    Rispondi

blog