Cerca

Cala il sipario su Euro 2012

Prandelli si monta la testa: 
"Siamo un esempio"
Ma dovrebbe chiedere scusa

La conferenza stampa del Ct: "Orgoglioso degli Azzurri, il risultato non ci deve condizionare". Poi la rabbia per le critiche al figlio
Cesare Prandelli

 

Dopo la disfatta nella finalissima contro la Spagna, il ct degli Azzurri, Cesare Prandelli, viene accolto in sala stampa da un lungo applauso. Come se 4-0 avesse vinto lui e non l'avversario Del Bosque. E va beh, ci sta: l'Italia ci ha fatto sognare, ha giocato un bel calcio ed è arrivata in finale, quando in molti avevano pronosticato una sua uscita già al primo turno. Poi attacca: "Possiamo essere orgogliosi di quest'Italia. Possiamo essere soddisfatti - ha spiegato Prandelli -, abbiamo schierato una squadra propositiva e corretta". Non contento, ha preso una piega politico-sociologica: "Siamo un paese vecchio - ha continuato -, abbiamo idee e modalità vecchie. Dovremmo avere il coraggio di cambiare. Noi siamo venuti agli Europei con questo coraggio. Sappiamo di dover fare i conti con la logica del risultato, che però non deve essere condizionante. Bisogna avere la forza di credere in un'idea. Sicuramente - ha proseguito il Ct - troveremo difficoltà, dovremo abbinare l'aspetto del gioco alla necessità di fare risultato. In questi due anni abbiamo cercato di costruire una Nazionale con la mentalirà di un club".

Insomma, un discorso da vincitore. Quale Prandelli è stato fino a domenica sera alle 20.45. Da lì in poi no: ha preso una scoppola come nessuno nella storia della nazionale nelle fasi finali delle competizioni europee, sbagliando sicuramente almeno il cambio di Thiago Motta e mettendo in campo quella che, viste le condizioni fisiche, non era forse la miglior formazione. Insomma, ha perso che più perso non si può, come tutti nel mondo hanno potuto vedere. Per questo, la tirata sul paese vecchio e su quanto questa nazionale debba essere d'esempio a un paese che lui ha palesemente definito senza coraggio, non ci sta. una pippa così la può fare una che ha vinto tutto, o che quantomeno ha vinto qualcosa. Allora è un esempio. Non se qualche ora prima si sono beccate quattro scoppole sul groppone. Perchè se no Vicente del Bosque, che ha vinto un europeo e un mondiale, oltre a una Champions con il Real, cosa dovrebbe fare: candidarsi primo ministro in Spagna?

Dal Capo dello Stato - Alle 19, dopo essere atterrati a Fiumicino, gli azzurri sono stati ricevuti da Giorgio Napolitano al Quirinale. Prandelli ha donato al presidente la medaglia d'argento di Kiev, Pirlo e balotelli (con una cravatta sghemba imbarazzante) un gagliardetto e un pallone con gli autografi di tutti i giocatori. Napolitano, che stavolta è riuscito a non commuoversi e anon piagnucolare come di recente gli capita spesso, si è congratulato con i ragazzi e con Prandelli, dando a tutti appuntamento per i Mondiali 2014. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marco1927

    03 Luglio 2012 - 11:11

    Io sono incredulo dopo la conferenza stampa di Prandelli e non posso non sottolineare le sue profonde contraddizioni: parla di coraggio e novità perchè siamo un paese vecchio e con vecchie idee e poi la sua formazione è fatta da giocatori stanchissimi e che non sono stati sostituiti perchè sono gli stessi che ci hanno portato in finale. e la novità di azione dove è andata a finire? il problema è che in Italia tutti si sentono in grado di pontificare se stessi pur essendo spesso dei mediocri. In quanto a Napolitano non dico nulla per non essere censurato ma dal profondo del cuore mi sento offeso dal modo in cui questo signore continua ad esercitare in suo potere pensando forse che gli Italiani di oggi siano gli stessi di 30 anni fa, oggi siamo molto più attenti e critici e meno stupidi anche : antico ed inutile! la ciliegina però è stata Monti allo stadio dopo le esternazioni sul calcio di qualche settimana fa, ma che paese è il nostro?

    Report

    Rispondi

  • Borgofosco

    03 Luglio 2012 - 11:11

    Anche tra i tortuosi sentieri e nei rifugi giungeva l'eco delle imprese dell'Italia pallonara. La curiosità mi ha fatto scendere a valle per vedere le registrazioni delle partite degli azzurri. Tutto bene contro Inghilterra e Germania ma, che squallore contro la Spagna. Sembrava un'altra squadra e soprattutto in panchina sembrava seduto un sosia di quel brillante condottiero che le aveva suonate agli anglosassoni. Non ci credevo. arrestavo il registratore e riguardavo le giocate difensive. Sembravano altri uomini o forse erano loro controfigure. Il centrocampo inesistente ed insulso al punto da far piangere persino in icberg come Pirlo. Altro che degnamente rappresentati! Una vergognosa esibizione di una squadra vuota e senza anima. E noi, beceri tifosi, dovremmo essere riconoscenti a questi qua? Mai! Paghiamo costosi abbonamenti sia allo stadio che alle televisioni e pretendiamo che chi fa giocare i 'nostri' atleti, in nazionale, svesta i panni del tifoso o dell'accomodante.E' troppo?

    Report

    Rispondi

  • L'Italiano1982

    03 Luglio 2012 - 11:11

    Ma voi di Libero non avete proprio un càzzo di cui occuparvi? No, dico: c'è una crisi creata ad hoc per dissanguarci, un mostro internazionale che sogna di ingoiarci vivi e un'intera Africa che crepa di fame, e voi abbaiate contro Prandelli? Dovete sputare veleno in questo modo contro un commissario tecnico che ha portato gli Azzurri dall’eliminazione immediata con la Slovacchia in Sudafrica alla finale di Kiev passando per la Germania che dicevano blindata e cambiando totalmente uno stile di gioco che ci portavamo dietro da decenni? Ma si può sapere che vi fumate? A questo vi porta la smania di fare bastiancontrario col resto del mondo? Ma vedete di parlarci della scoliosi di Monti, va’, che è meglio; e sul resto chiudete la bocca, ché dite fesserie senza né capo né coda. Oltretutto smentendovi: ché pensate forse che la gente non se la ricordi, la prima pagina di lunedì scorso? Fate veramente pena. Vergognatevi un po’!!!

    Report

    Rispondi

  • GRISO59

    03 Luglio 2012 - 10:10

    Non ho assolutamente capito cosa volesse dire Prandelli forse non lo sa neanche lui. Cosa vuol dire paese vecchio loro giovani mentalita' nuova bohhhh. L'unico dato di fatto e' che hanno perso la finale 4 a 0 ridicolizzati dalla Spagna. E se ai rigori con l'Inghilterra fossero andati fuori che cosa ci veniva a raccantare. Ma smontatevi tutti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog