Cerca

lettere al direttore

News da Radio 105

U2: nel 2015 in tour negli stadi

U2: nel 2015 in tour negli stadi

U2: nel 2015 in tour negli stadi.Bono conferma, e le voci diventano notizia. Gli U2 porteranno in tour “Songs of innocence”, l’album-caso as......

 

ascolta ora

Radio 105

Carroccio travolto

Lega: Bossi e figli indagati per truffa

Il Senatùr coinvolto nell'inchiesta della Procura di Milano sui rimborsi elettorali

Umberto e Renzo Bossi

Scandalo Lega Nord, indagata la famiglia del Senatùr

Svolta nell'inchiesta della Procura di Milano sui rimborsi elettorali della Lega. I pm della Procura di Milano Alfredo Robledo, Paolo Filippini e Roberto Pellicano di Milano hanno notificato un'informazione di garanzia a Umberto Bossi  e ai suoi figli Renzo e Riccardo nella sede del Carroccio in via Bellerio. L'ipotesi di reato è truffa ai danni dello Stato. Per i figli l'accusa è di appropriazione indebita in relazione alle loro spese personali: avrebbero intascato una 'paghetta' fissa intorno a 5.000 euro al mese, prelevata dai soldi dei rimborsi elettorali dall'ex tesoriere Francesco Belsito (il primo indagato) negli ultimi 4 anni. Ai due figli del Senatùr sarebbero stati versati anche soldi per spese extra come quelle relative ad auto e benzina. In totale, si tratterebbe di una truffa ai danni di Stato e partito da 18 milioni di euro. Indagato anche il senatore Piergiorgio Stiffoni accusato di peculato in relazione all’uso dei fondi del Carroccio del Senato (gestiva il portafiglio leghista al Senato: avrebbe utilizzato soldi pubblici a scopi personali). Scatta quindi l'accusa di peculato perché quei soldi avrebbero dovuto avere una destinazione pubblica. E’ stato iscritto nel registro degli indagati anche l'imprenditore Paolo Scala per riciclaggio. 

Atto di garanzia - Il procuratore capo Edmondo Bruti Liberati e il pm Paolo Filippini, che indagano sui fondi della Lega, hanno spiegato che l'iscrizione nel registro degli indagati di Umberto Bossi con l'accusa di truffa ai danni dello Stato è "un atto di garanzia che dovrà comportare degli approfondimenti". Approfondimenti che, hanno precisato gli inquirenti, sono collegati a verificare se effettivamente il denaro, ottenuto grazie al meccanismo dei rimborsi elettorali, sia stato utilizzato per esigenze personali dagli altri indagati, a cominciare dall’ex tesoriere Francesco Belsito. Gli inquirenti si sono convinti che fosse necessario inviare un avviso di garanzia al fondatore della Lega anche alla luce delle dichiarazioni della segretaria amministrativa Nadia Dagrada che ha affermato, durante gli interrogatori, che Umberto Bossi firmava tutti i rendiconti. In particolare, a Bossi viene contestato di avere avallato questi rendiconti ritenuti non veritieri nell’agosto 2011. Duante la conferenza stampa, il procuratore Bruti Liberati ha spiegato che  è in corso anche una consulenza tecnica che dovrà fare luce sull'eventuale utilizzo dei fondi pubblici che gli indagati avrebbero fatto per scopi personali. In questa fase delle indagini, ha affermato Bruti "è sufficiente avere l’indicazione che i fondi destinati al partito sono stati usati per altri scopi". 

Indignazione Maroni e Zaia - "Voglio una Lega unita, voglio una  Lega forte, voglio una Lega viva. Una Lega che si concentra   sulle cose da fare e non sulle menate interne, che progetta e   governa, che dà risposte. Largo ai giovani e a chi è capace.   Per faccendieri, ladri e ciarlatani non c'è posto nella Lega del futuro". Lo ha scritto Roberto Maroni sulla sua pagina di Facebook non appena si è diffusa la notizia dell'iscrizione a registro di Umberto Bossi e dei suoi figli. "Se la magistratura accerterà responsabilità chi ha sbagliato dovrà pagare", ha commentato Luca Zaia, presidente della Regione Veneto e leghista di primo piano. "Apprendo la notizia dalle agenzie di stampa: mi sembra di capire che questi eventi rappresentino l’epilogo di tutto quello che si è letto e visto in tutte queste settimane". PIù duro il commento di Matteo Salvini, europarlamentare e consigliere al Comune di Milano per il Carrocio: "Il fatto che a quattro giorni dai   ballottaggi si continui a buttar fango sulla Lega mentre l’economia   crolla, lo spread schizza e i mercati affondano, bè fa inevitabilmente venire qualche dubbio". "Chi ha sbagliato in Lega ha già pagato - sottolinea Salvini -   si usa la Lega per coprire e gettare ombre sul fallimento di questo   governo. Evidentemente all’opposizione continuiamo a dar   fastidio". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lucy45

    16 May 2012 - 18:06

    e pensare che...20 anni fa gli avevamo creduto!!!

    Rispondi

  • b.walter

    16 May 2012 - 18:06

    Ancora un altro padre padrone, che per tanti anni ha cavalcato uno stato d'animo di una buona fetta dell'elettorato italiano, è finito nella m...a. Avanti un altro! Se ne attendono altri con reati ancora più gravi sulla coscienza! in questi tempi grami il tribunale del popolo, specialmente coloro che si sono fidati, mette il pollice verso, anche se sono imminenti i ballottaggi delle recenti amministrative! E anche se sono legittimi i dubbi! AVANTI IL PROSSIMO!

    Rispondi

  • ABU NAWAS

    16 May 2012 - 18:06

    Turiamoci il naso e continuiamo a votare la Lega!

    Rispondi

  • passerapelonero

    16 May 2012 - 18:06

    Ma che partito di merda........stan cercando un viatico per pulirsi dalle malefatte...facendo proclami........non li ho mai votati e mi sento proprio sollevato......spero che questo partito si sciolga nel nulla

    Rispondi

Mostra altri commenti

blog