Cerca

Lo sciovolone di Bild

Culona Merkel, i tedeschi si vendicano
attaccando le atlete italiane

Nel mirino dei teutonici Elsa Casanova, capitano della nazionale di pallanuoto

Il commento più carino alla foto della campionessa: "Una bomba a mano nella vasca italiana. Si chiama come il leggendario playboy veneziano, eppure è più grossa". Battutona
Natasha Keller

Natasha Keller

Se la sono legata al dito e alla prima occasione, tra l'altro decisamente fuori luogo, si sono vendicati. I tedeschi, arrabbiati con gli italiani per i commenti non proprio generosi, ma assolutamente veritieri (oltre che ironici) sull'aspetto fisico della cancelliera Angela Merkel, non hanno trovato di meglio che prendersela con le nostre atlete, andando a cercare tra le 127 azzurre impegnate nelle più svariate discipline, dalla pallavolo al tennis, dalla ginnastica artistica alla pallavolo, passando per judo, nuoto, tuffi e tanto altro, quelle meno belle. 

I "tesorucci" - Bild, non solo ha fatto una galleria fotografica, con quelle che chiama "i tesorucci", ma le ha beceramente prese in giro per le "maniglie dell'amore italiane" che compaiono sui corpi di alcune nostre campionesse. In particolare, a finire nel mirino, del giornale tedesco Elisa Casanova, capitano della nazionale di pallanuoto. "Una bomba a mano nella vasca italiana. Si chiama come il leggendario playboy veneziano, eppure è più grossa". Battutona. Più avanti scherzano sul suo soprannome, "la piccola Ely", e la ribattezzano: "Eine echte Wuchtbrumme" ovvero "un vero armadio di donna". E ancora: "Di fronte a lei non tutti gli uomini si sentirebbero le gambe molli... sicuramente tutte le avversarie". 

Bellezze indigene - Per una sorta di par condicio Bild mostra le foto anche di atlete di altra nazionalità diverse dallo stereotipo di bellezza che piace ai tedeschi. Della Pimsiri Sirikaew, la thailandese che ha vinto la medaglia d'argento nella categoria 58Kg nel sollevamento pesi, dicono: "Meches bionde e orecchini. Da non credere, ha davvero preso parte alla competizione femminile. E questa foto lo dimostra!". Da ridire anche sulla campionessa cinese di judo Fei Chen, della nord-coreana Jong Sim Rim, della tunisina Hassine Ghada, di Anna Nurmukhambetova del Kazakhistan e della statunitense Brenda Villa. Ma invece di puntare il dito contro le donne (atlete) altrui, perché non guardare in casa propria? Eppure non è difficile basta dare un'occhiata alla campionessa di hockey sul prato che ha portato la bandiera tedesca: Natasha Keller (nella foto).

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gallorosso

    06 Agosto 2012 - 08:08

    NOI GLI SIAMO SUPERIORI , LORO LO SANNO . ATTENTI PERO' E' GENTAGLIA.

    Report

    Rispondi

  • arellano

    05 Agosto 2012 - 23:11

    è veramente vergognoso continuare a sfidarsi sul cattivo gusto di chi sfotte di più,penosi

    Report

    Rispondi

  • peterpanno

    05 Agosto 2012 - 22:10

    che faccia di tollen...si sono gia' dimenticati delle donne-uomo imbottite di ormoni maschili che gareggiavano sotto il simbolo della falce martello e compasso della defunta (?) DDR...forse tra loro c'era anche Angeolona Merkel solo che invece che dalla piscina poi e' stata dirottata alla attivita' politica..

    Report

    Rispondi

  • Satanasso

    05 Agosto 2012 - 16:04

    Ma lo sapete che le donne dello sport per dare dei risultati devono assumere ormoni maschili tipo "Nandrolon" e simili ? Pensate davvero che le donne con quattro piroette vincono medaglie d'oro ? I muscoli delle donne sono deboli e non sono stati creati per combattere,cacciare, o essere performanti...Madre natura ha "costruito" le donne per la maternita',ecco perchè gli armadi a quattro ante con la figa che si vedono alle olimpiadi ,appena parlano sembrano i trans che battono in viale Sarca a Milano ! E' come se un uomo assumesse ormoni femminili per allattare un bambino. Rispettiamo Madre Natura !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog