Cerca

La gaffe di Bragagna

Rai Sport fa morire
Licio Gelli sotto
il ponte dei Frati Neri

Il commentatore della maratona olimpica ha confuso l'ex Maestro venerabile della P2 con il banchiere Roberto Calvi

Rai Sport fa morire
Licio Gelli sotto 
il ponte dei Frati Neri

Se Licio Gelli ieri avesse assistito alla telecronaca della maratona feminile alle Olimpiadi di Londra, sicuramente avrebbe fatto gli scongiuri. Il commentatore di RaiSport, Franco Bragagna, mentre le atlete nei pressi del ponte sul Tamigi, volendo dar sfoggio della sua cultura, ha infatti annunciato la sua morte sotto il ponte dei Frati Neri. 

"Il ponte dei Frati Neri noto anche per la cronaca italiana, è il ponte sotto il quale fu trovato il cadavere di Licio Gelli", ha detto il giornalista, confondendo il 93enne ex Maestro venerabile della loggia massonica P2 con il banchiere Roberto Calvi, finanziere presidente del Banco Ambrosiano scomparso appunto 30 anni fa. Poco dopo Bragagna viene avvisato dell’errore e prontamente si scusa in diretta: "Chiedo infinitamente scusa, mi è stato fatto notare che ho commesso un lapsus terribile, ho parlato di uno invece che di un altro, Licio Gelli, mamma mia, chiedo scusa".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bale

    07 Agosto 2012 - 09:09

    I commentaori rai di queste olimpiadi, escluso il bravissimo cronista del pugilato, sono una frana: lanciano una bottiglia dietro i concorrenti dei 100 piani(si vede benissimo prima della partenza e nei 4 replay) e non se ne accorgono, Bolt fa il record olimpico ma per saperlo bisogna guardare da soli i tempi, Powell si stira e loro ci comunicano un incredibile 11,qualcosa senza spiegazioni, Capriati vince l'oro nella carabina 50 metri tre posizioni e per radio ci ricordano che ha gia vinto un argento nella PISTOLA !!!. oltre a queste evidenti mancanze i commenti sono sempre rivolti a farci conoscere mille risvolti della vita passata presente e futura degli atleti senza mai commentare quello che sta avvenendo in diretta. I peggiori in radio: se ascolto la radio è perchè non posso vedere le immagini, bisogna che il commentatore o come si diceva una volta radiocronista, mi faccia essere presente con la fantasia all'evento. Ah povero Carosio, povero Martellini......! Davvero pietosi

    Report

    Rispondi

  • stefano.padovan71

    06 Agosto 2012 - 15:03

    poverino si, ma ogni volta che parla (apparte che ha una voce stonata e sgradevole)ni fa incazzare come un'istrice quando insiste nell'addebitare agli atleti provenienti dalla Repubblica Ceca, che provengono dalla "Cechia"!!! MA QUALCUNO DI VOI GIORNALISTI VUOLE SPIEGARE ALL'IGNORANTE-RACCOMANDATO-RAI CHE LA CECHIA NON ESISTE!!Esiste la Repubblica Ceca e basta e quando si vuole alludere ad un atleta proveniente da quella terra si dice semplicemente dalla Repubblica Ceca e non dalla Cechia, come in modo sciatto-ignorante-confusionario-scomposto continua a ripetere. Ripeto la Cechia non esiste, esiste la Repubblica Ceca e semmaio, poi, la Slovacchia. Che ignorante! A volte mi consolo guardando telecronache sportive (rai) degli anni 70-80 su raisport2 per disintossicarmi le orecchie e l'animo. Ma perchè non esistono più i bravi cronisti di una volta?

    Report

    Rispondi

  • da.ri.os.

    06 Agosto 2012 - 15:03

    Si sovrappone maleducatamente a chi ha la sfortuna di lavorarci insieme per dire delle cose insulse, interrompendo interessanti considerazioni dei suoi colleghi. Se il giornalista Bragagna imparasse a tacere, pensare, rispettare i colleghi, e poi parlare ne uscirebbe un ottimo giornalista. Invece...

    Report

    Rispondi

blog