Cerca

La crisi della politica

Nella regione di Pdl e Lega
l'affluenza più bassa d'Italia

In Lombardia alle urne solo il 63% degli aventi diritto. A Monza il sindaco uscente Mariani

Il calo di votanti rispetto al 2011 sfiora il 10%
0
Il calo di votanti rispetto al 2011 sfiora il 10%

La Lombardia, roccaforte del Pdl e della Lega, è la regione in cui si è registrata l'affluenza alle urne più bassa tra le venti regioni italiane: appena il 63,21% contro il 73,52% dello scorso anno, un calo che sfiora il 10% ed è (dopo la Toscana) quello più netto. A Monza, terza città della regione, il calo è di circa per cento rispetto a cinque anni fa: il 59,68% contro il 73,65%. Ridotta l’affluenza anche a Como, dove alle 15, ha votato il 60.29% degli aventi diritto, l'8% per cento in meno rispetto a cinque anni fa, quando era andato alle urne il 68,13% degli aventi diritto. A scrutinio appena iniziato, sul Lario il candidato del centrosinistra Mario Lucini è davanti a quello del centrodestra Laura Bordoli. A Monza, invece, col 10% delle sezioni scrutinate (11 su 110), le preferenze per i candidati sono così distribuite: 32,60% per Roberto Scanagatti (centrosinistra); 27,44 per Andrea Mandelli (Pdl- La Destra); 12,03% per Marco Mariani (Lega Nord e Monza c'e').

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media