Cerca

lettere al direttore

News da Radio 105

Adele chiama Damon Albarn

Adele chiama Damon Albarn

Adele chiama Damon Albarn. L'attesa del nuovo album della cantante britannica, oggi 26enne, è costellata di sorprese (e smentite). L’ultima ......

 

ascolta ora

Radio 105

La casta rossa non paga: Bersani ha un partito al verde

Nonostante il rimborso il Pd ha un buco di 43 milioni. Gli eletti non versano la quota. Minaccia: fuori chi non caccia i soldi

La casta rossa non paga: Bersani ha un partito al verde

La casta rossa non scuce, e così il partito di Pierluigi Bersani si aggrappa con tutte le sue forze ai soldi presi - senza chiedere permesso - dalle tasche degli italiani. Il tesoriere del Pd, Antonio Misiani, piange miseria: nonostante un finanziamento pubblico 2008-2013 di poco inferiore ai 250 milioni di euro, il suo partito si troverebbe in rosso di 43 milioni di euro. Si è mangiato i soldi degli italiani per dare in cambio i clamorosi risultati di efficienza che la classe politica - Pd compreso - ha mostrato in questi anni, ed ha acceso pure debiti. Così, con una sincerità che gli va riconosciuta (altri tesorieri non la mostrano), Misiani ha corretto le boutade del suo capo. Bersani si era messo le mostrine sul petto annunciando la rinuncia alla prossima rata di contributo (180 milioni da dividere fra tutti a luglio)? Misiani ha messo uno stop al suo segretario: «Nossignore, qui non si rinuncia a nulla», altrimenti il Pd è costretto a portare i libri in tribunale. I soldi degli italiani dunque non li mollano.

Anche perché altre entrate non arrivano: quando si parla di soldi sono i militanti ad avere mollato il Pd. E la sorpresa è che in molti casi l’hanno fatto pure gli eletti: la casta rossa. Basta sfogliare i bilanci delle unioni regionali o provinciali del partito di Bersani per capire come ovunque si registri lo stesso identico pianto (fatta eccezione per la rossa Emilia e la Campania, dove tutti pagano senza fiatare). Il regolamento finanziario del Pd - modificato in senso draconiano di recente - impone a tutti gli eletti e perfino ai nominati (quelli che ottengono incarichi pubblici su indicazione del partito) di retrocedere una parte dei propri stipendi e indennità a titolo di finanziamento dell’attività politica. I Parlamentari nazionali debbono versare una quota al Pd nazionale e poi una piccola quota alla federazione territoriale di competenza. Quota più pesante sul territorio (le regole variano un po’) per consiglieri regionali, provinciali e comunali oltre che per tutti i nominati. Il problema è che spesso non lo fanno: versano qualche mese, poi smettono. E lo fanno soprattutto quando si arriva alla fase finale dei mandati elettivi e vedono che butta male. Qualche esempio? Il Pd del Piemonte inserisce nello stato patrimoniale crediti non riscossi dai candidati per le regionali 2010 per 73.600 euro, più crediti da 17.500 euro verso candidati alle politiche del 2008 e ancora 74.050 euro di crediti verso «assessori e consiglieri regionali». Il Pd sardo annuncia nel suo bilancio di avere incrementato del 25% la richiesta ai consiglieri regionali, che passa da 1.200 a 1.500 euro mensili, mentre ai parlamentari è stata chiesta una contribuzione di 300 euro mensili. Con un eufemismo annotano: «Pur tra tante difficoltà, il livello di contribuzione degli eletti è migliorato ed orientato verso condizioni di regolarità, anche se permangono alcune partite pregresse da saldare».

Il Pd dell’Abruzzo ha minacciato liste di proscrizione per gli eletti che continuano a non pagare il dovuto. Il tesoriere delle Marche ammonisce «quanti non hanno ancora provveduto a versare la contribuzione mensile dovuta al Pd», aggiungendo: «Alla direzione regionale faccio presente che nei prossimi giorni agli interessati verrà inviata una lettera di sollecito firmata dal tesoriere nazionale e dal sottoscritto. Nei confronti di quanti non provvederanno a regolare la loro posizione si applicheranno le norme statutarie e se necessario si percorreranno anche le vie legali».

Siamo dunque arrivati alla carta bollata contro la casta rossa. Nel Veneto addirittura scende in campo il collegio dei revisori dei conti, che nella relazione che accompagna l’ultimo bilancio pubblico del Pd evidenzia «la necessità di riscuotere il residuo credito di competenza 2008 verso un parlamentare, che alla data odierna non è ancora stato incassato. Evidenzia inoltre la necessità di una maggiore puntualità da parte dei consiglieri regionali nei loro versamenti mensili».
 
Il Pd di Livorno ha dovuto rivedere al ribasso per il 2012 le previsioni di entrata per i contributi della casta rossa, ma ha avvertito tutti: «Sarà pubblico l’elenco di coloro che - secondo il codice etico del partito risultano in regola con i pagamenti. Per coloro che invece saranno inadempienti il Pd ha deciso di adottare la regola della non candidabilità».

di Franco Bechis

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rteodori

    16 April 2012 - 17:05

    I ricavi derivanti dal fin. pubblico vengono contabilizzati nell’esercizio in cui nasce il diritto a percepirli. L’importo che scaturirà dalle elezioni politiche del 2013 verrà contabilizzato nello stesso esercizio anche se l’incasso avverrà in rate annuali fino alla fine della legislatura. Ciò incide sui risultati di bilancio determinando un avanzo significativo nell’anno in cui avvengono le elezioni politiche e un disavanzo nelle annualità intercorrenti fra un' elezione e l’altra. La modalità di contabilizzazione rispetta i criteri contabili – altrimenti il bilancio non sarebbe certificato . L’articolo risulta fuorviante e determina molti commenti negativi sulla capacità di gestione del PD che scaturiscono dall’idea, errata, che il PD abbia una perdita di 43 milioni di euro. Ciò non significa che il PD non abbia problemi di bilancio in prospettiva, essendo inderogabile ridurre il finanziamento.Ciò impone allo stesso una riorganizzazione che riduca notevolmente i costi.

    Rispondi

  • bepper

    16 April 2012 - 12:12

    Se Bechis avesso consultato il sito del Pd http://www.partitodemocratico.it/Allegati/Rendiconto_PD_2010.pdf, avrebbe capito che Misiani dice fesserie, lo stesso tesoriere ha poi rettificato su FB. Misiani ha messo in bilancio oltre 51 milioni di contributi alle sedi regionali. Il dato è di competenza, cioè una promessa di contribuziuone, per i 5 anni a venire e contabilizzati tutti nel 2010 anzicché anno per anno, ma non erogati. I motivi sono noti solo a lui , ma non è illegittimo farlo, è una scelta, seppur non ha il merito di una lettura immediata del bilancio. Infatti il partito ha una liquidità di oltre 19 milioni, con in cassa 5000 euro. Alla voce crediti ben 163.466.532,44. Evidentemente il Pd non voleva far risultare gli avanzi spaventosi di un centinaio di milioni, come negli anni trascorsi e Misiani, a differenza del vecchio tesoriere, si è inventato l'artificio contabile. I veri contributi alla periferia sono spiccioli.

    Rispondi

  • maxgarbo

    16 April 2012 - 11:11

    ai partiti, alla casta. una vergogna tutta italiano, francia e germania costano meno dei nostri politici. noi ci tiriamo il mazzo loro non si tolgono un 1 euro dai loro compensi. non vi bastano i milioni che incassate? tagliatevi lo stipendio giratelo al partito. siete in metà di mille, anche troppi da mantenere: con un piccolo sforzo state a galla, se no cambiate mestiere!

    Rispondi

  • angelo.Mandara

    16 April 2012 - 11:11

    Ora il leader del PD ci fa sapere, in buona sostanza, che loro hanno bisogno "di quei soldi" per sopravvivere. Bella sparata...questo deprecato scossone candidamente comunicato di questi tempi e a meno di un mese dalle prossime consultazioni elettorali...sarà incoscienza o vogliono volutamente loro stessi le urne vuote? Il momento nero dell'antipolitica è sotto gli occhi di tutti e...un'occasione d'oro per tentarne di uscire sarebbe stata quella sulla decisione dei "tre grandi" di disdegnare i rimborsi elettorali (almeno in quella forma), a seguito delle clamorose ruberie messe in atto. (segue) Angelo Mandara

    Rispondi

Mostra altri commenti

Shopping