Cerca

L'inchiesta

Mps, accordo con Santander e Jp Morgan per spartirsi il bottino Antonveneta

Mps, accordo con Santander e Jp Morgan per spartirsi il bottino Antonveneta

Un patto per spartirsi il bottino di Monte dei Paschi di Siena. Questa volta, o almeno per questo filone d'inchiesta, i politici non c'entrano. A spartirsi il bottino erano direttamente le banche: Mps, la spagnola Santander, la mediatrice Jp Morgan. Secondo quanto rivela Fiorenza Sarzanini sul Corriere della Sera, c'è del marcio dietro all'acquisizione ipervalutata di Antonveneta da parte dell'istituto senese. Nel 2007 Santander acquista Antonveneta per 6,3 miliardi e dopo solo 2 mesi la rivende a Mps per 9,3, lievivati a 10,3. Quattro miliardi di plusvalenza, una "stecca" di cui un miliardo sarebbe spettato proprio a Jp Morgan.

Se così fosse, le responsabilità si allargherebbero ad altre personalità di rilievo della finanza italiana. Per esempio, il banchiere Ettore Gotti Tedeschi, ex presidente dello Ior e da 20 anni responsabile di Santander per l'Italia. Nelle agende sequestrate all'ex presidente Mps Giuseppe Mussari dai pm risultano molti incontri con Gotti Tedeschi. Quelle agende, confrontate con i documenti già sequestrati a suo tempo a Gotti Tedeschi per le vicende dello Ior, potrebbero dare risposte importanti anche al giallo Mps. Nell'interesse degli inquirenti c'è anche Marco Cardia, figlio dell'allora presidente della Consob Lamberto. E Nicola Scocca, ex direttore finanziario della Fondazione Monte dei Paschi di Siena, avrebbe già testimoniato ai pm il comportamento ben poco trasparente di banca e fondazione. 

Al centro dei sospetti c'è poi 
l'attività di Gianluca Baldassarri, direttore dell'Area finanza di Mps fino al 2012. Per sanare la voragine dei conti creata dall'acquisto di Antonveneta, i vertici senesi hanno messo in piedi operazioni rischiosissime, come i bond fresh del 2008 e, appunto, quelle sui derivati. Per i pm, il valore delle azioni sarebbe stato gonfiato dai dirigenti di Mps, in particolare tra giugno 2011 e gennaio 2012. E agli atti spunta una lettera del 3 ottobre 2010 dal direttore generale di Mps Antonio Vigni a Bankitalia sull'aumento di capitale da un miliardo riservato a Jp Morgan. Di fronte alle richieste di trasparenza di Bankitalia, Vigni replica sostenendo che "in ordine all'assorbimento delle perdite Jp Morgan ha acquistato le proprietà delle azioni senza ricevere alcuna protezione esplicita o implicita dalla Banca". Secondo i pm, un falso bello e buono. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vin43

    29 Gennaio 2013 - 19:07

    Basti pensare che la JPMorgan Chase & Co è quella banca che ha generato la crisi dei subprime, crisi finanziaria alla fine del 2006 negli Stati Uniti. In poche parole è una banca strozzina legalmente riconosciuta. E i nostri pivelli bancari si mettono a giocare con essa? Basta far vedere il colore dei soldi che i nostri politici specie quelli di sinistra, (pare che sia stato loro promesso una tangente di 2 miliardi di euro), che abboccano come pesciolini. Cosa c’è dietro la diatriba dell’Ilva? Ci sono le grinfie di predetta banca e quella della Goldman Sachs. Che Dio ci salvi.

    Report

    Rispondi

  • alfi1983

    29 Gennaio 2013 - 18:06

    MPS : una vergogna tutta nazionale !! tonnellate di polvere da nascondere sotto il tappeto. Da D'Alema, Amato, Bersani e tutti i personaggi a loro collegati + Mussari e tutti i banchieri in area ' Democratica ' Viva l'Italia abbiamo una banca .... e che banca !!!

    Report

    Rispondi

  • contenextus

    28 Gennaio 2013 - 19:07

    La rocca di san leo ha una cella nella quale venne imprigionato Cagliostro. Attualmente non è usata. Ci metterei mussari.

    Report

    Rispondi

  • ivrea

    28 Gennaio 2013 - 18:06

    Loro sì che sono immacolati. Lezioni di etica sempre aperte. Iscrizioni anche per i sinistri.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog