Cerca

La moneta che non va

Anche la Germania si è stancata dell'euro

Anche la Germania si è stancata dell'euro

di Martino Cervo

Anche in Germania c’è un pensiero anti-euro. Il rumore prodotto da Alternative für Deutschland, il partito dato attorno al 3% che potrebbe creare problemi ad Angela Merkel alle elezioni del 22 settembre, non nasce dal nulla. Per avere un’idea della genesi di posizioni ostili alla moneta unica anche nello Stato che più di ogni altro ha parso beneficiarne, è utile un volume che Castelvecchi ha tradotto poche settimane fa, e che è uscito in Germania nel 2012: «L’Europa non ha bisogno dell’euro» (200 pagine, 18,50 euro), di Thilo Sarrazin. Assurto a notorietà mondiale nel 2010 per alcune eccentriche tesi anti-immigrati (giudicate razziste) esposte nel libro «La Germania si abolisce», Sarrazin è un economista di estrazione socialdemocratica, che ha ricoperto vari incarichi tecnico-politici presso importanti ministeri, fino a diventare l’equivalente dell’assessore al bilancio del comune di Berlino, consigliere del colosso Deutsche Bahn e, per pochi mesi, membro della Buba, la banca centrale tedesca nido dei «falchi».

Nel saggio, Sarrazin – che nasce euro entusiasta – centra un’analisi troppo poco coltivata in ambito italiano: «La crisi dell’euro», spiega sulla scorta di dati incontrovertibili, «è anche, essenzialmente, una crisi della bilancia dei pagamenti interni». È quanto Libero ha tentato di sintetizzare visivamente domenica, proponendo ai lettori gli squilibri nella bilancia commerciale di Italia e Germania, Paesi-simbolo della periferia e del cuore dell’euroarea. Il tasso di cambio e l’impossibilità di svalutare hanno penalizzato i Paesi che venivano da una moneta più debole, galvanizzando invece l’export di quelli del Nord, Berlino in testa. L’arrivo della crisi non ha fatto che portare al pettine i nodi, aggravando gli squilibri, senza contare che «l’euro non è stato di nessun aiuto per contenere il debito pubblico, anzi, si è rivelato un ostacolo». Continua l’economista: «Il sempre più temuto “blocco del credito” ai paesi del Sud non è un problema di politica monetaria, bensì la conseguenza obbligata di una serie di deficit nella bilancia commerciale regionale» (dove per “regionale” si intende dell’eurozona). Totalmente germano-centrico, Sarrazin non può non riconoscere quantomeno il «sospetto che l’interscambio tra Paesi meridionali ed economia tedesca sarebbe maggiore rispetto a quanto è oggi se i Paesi meridionali non avessero perso la possibilità di ricorrere, all’occorrenza, alla svalutazione per migliorare la propria competitività». Non meno lucida la diagnosi: «Ormai per migliorare rapidamente la situazione dei costi i Paesi del Sud possono solo ridurre sensibilmente il proprio costo del lavoro. Questo a breve termine non funziona senza una decisa diminuzione dei salari in termini assoluti». Ciò di cui anche in Italia ci stiamo drammaticamente rendendo conto.

Da qui in avanti, Sarrazin dà la stura a una rigidità tipicamente tedesca. La situazione descritta è infatti a suo giudizio penalizzante, ma per la Germania, che finisce per essere «ricattata» da richieste di salvataggio cui non può dire di no. Come spesso accade alle posizioni tedesche, paiono basate su dati reali, ma assolutizzati. Di fronte alla devastante spirale di misure di austerity imposte dalla Troika e al rincorrersi di fondi e sigle (EFSF, ESM) partorite dai vertici europei, Sarrazin lamenta le deroghe ai trattati e la pervicacia con cui si è impedito ciò che lui considera uno sviluppo naturale e doveroso: l’insolvenza, descritta più o meno come una passeggiata. La brutalità quasi violenta con cui spiega che la Grecia dovrebbe «ridurre i redditi reali del 30%» è superata ampiamente da questa frase: «L’unione monetaria richiede, per funzionare come si deve, che le economie reali e le società di tutti gli Stati membri si comportino, più o meno, secondo standard tedeschi». Ma questa graniticità unilaterale ha un pregio: parte da dati reali, li assolutizza e mostra i limiti della costruzione dell’euro. È un fatto che la linea Merkel abbia tentato di fare di tutti i partner economie «alla tedesca», cioè fortemente orientate all’export. È altrettanto evidente che questo non è possibile per ragioni strutturali. Prova ne è il fatto che lo stesso Sarrazin conclude così: «O rileggiamo in chiave del tutto nuova il principio del no bail-out, oppure dobbiamo scegliere nuove soluzioni che non escludano l’uscita dall’unione monetaria».  Il libro è uscito nel 2012. Abbia o meno ragione l’autore, di certo rispetto alla sua analisi è difficile trovare, nel periodo successivo, fattori che possano significativamente alterarla.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Satanasso

    27 Giugno 2013 - 09:09

    L'Europa è un'accozzaglia di etnie,lingue,religioni e mentalita' troppo diverse per stare assieme,ecco perché non funzionera' mai anche solo la moneta unica...Il futuro dell'Italia lo vedrei accando agli Stati Uniti,magari aggancindosi al dollaro e promuovendo il turismo,il nostro vero petrolio, verso l'America ! Ripeto...l'Europa è un'astrazione deleteria per Noi !

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    06 Giugno 2013 - 14:02

    Non é lì il problema. Chi diventa creditore? Nessuno. Se paghi in lire non ti danno un grammo di nulla. La cosa, ricordo é già nella storia economica italiana. Si comperava all'estero con i conti c.d. 'multilaterali', cioé quando il paese aveva capienza in moneta estera, contro un impegno di una banca del loro paese, all'estero ti vendevano la merce. Occorreva prima far la provvista di moneta estera, insomma. Ci salvo' in parte il turismo e molto le rimesse dei nostri emigrati. E' epoca che ho vissuto sul 'campo' e non vorrei piu' vederla. Da lì la nostra arretratezza infrastrutturale.Abbiamo ritardi che risalgono a decenni fa, proprio perché la lira era poca cosa. Poi il miracolo italiano basato sulle paghe bassissime e sui consumi ancor piu' bassi. Gli imprenditori erano in tuta; oggi i figli, sono in abito da sera ma le industrie sono nelle loro mani incapaci.

    Report

    Rispondi

  • GIORGIOPEIRE@GMAIL.COM

    GIORGIOPEIRE

    05 Giugno 2013 - 06:06

    Si uscire dall'euro. Si penerebbe un po', pero' si avrebbe un vantaggio dopo. Tanto peggio di cosi'. La Merkel e' stata la rovina dell'Europa.

    Report

    Rispondi

  • Sicander

    04 Giugno 2013 - 14:02

    Un'eventuale Nuova Lira se la prenderebbero tutti, creditori in primis. È non tanto perché sarebbe una valuta "forte" o "debole", ma perché questo prevedono tutti i trattati vigenti: i debiti si pagano con la valuta corrente del paese, punto. Se davvero la nuova moneta si svalutasse del 50% (un dato assurdo buono giusto per fare terrorismo psicologico) allora tanto peggio per i nostri creditori che incamererebbero una perdita secca mentre il nostro debito estero sarebbe di fatto dimezzato.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog