Cerca

Nuova iniziativa gratuita

"Liberiamoci dalla crisi"
Libero vi spiega come si risparmia

Da martedì 16 luglio, con il quotidiano, tutti i consigli per difendervi da tasse, rincari, banche, mutui e bollette

"Liberiamoci dalla crisi"
Libero vi spiega come si risparmia

Risparmiare si può e Libero vi spiega come farlo: a partire da martedì 16 luglio Liberiamoci dalla crisi! Ogni giorno, dal martedì alla domenica, verrà affrontato un argomento specifico: dalle azioni ai mutui, dalla telefonia agli investimenti alternativi. E ancora: il redditometro, la casa, i conti correnti, la pensione, le tasse, le assicurazioni, le carte di credito. Segue l'articolo di presentazione dell'iniziativa del direttore di Libero, Maurizio Belpietro.

L’altro giorno, uno dei primi banchieri italiani mi confidava che presto le carte di credito tradizionali, cioè il principale strumento di pagamento dacché è stato  vietato l’uso dei contanti per cifre superiori a mille euro, saranno sostituite dai telefonini. Con uno smartphone si potrà comprare con facilità ciò che si desidera: basterà collegarsi al sito della propria banca e al momento dell’acquisto digitare ok, il tutto senza commissioni e senza aggravio di spesa. Fantascienza? Niente affatto. Alcuni istituti di credito sono già in grado di consentire alla clientela simili operazioni. Del resto, in pochi anni i pagamenti online sono diventati la regola, rendendo spesso obsoleti gli sportelli bancari, che infatti ormai operano a scartamento ridotto e nel futuro è previsto che vengano ridimensionati. 

Qualcuno poco incline a usare la tecnologia e incapace di adeguarsi ai cambiamenti potrà anche pensare «chissenefrega». Ma sbaglierebbe, perché il mondo dei servizi finanziari e non solo va alla velocità della luce e chi è in grado di tenere il passo può guadagnarci. Risparmiare la quota annuale di MasterCard  o di American Express non renderà ricchi, ma di certo aiuta. E ancora di più aiuta saper scegliere il mutuo migliore per l’acquisto della propria casa, la polizza di assicurazione più conveniente, le condizioni bancarie più favorevoli, gli investimenti più redditizi. Perché è vero che c’è la crisi e tutti quanti ci sentiamo un po’ più poveri. Tuttavia è altrettanto vero che dalla crisi si può trovare giovamento se si riescono a sfruttare le straordinarie opportunità che la concorrenza e i mercati offrono. A volte per pigrizia o per incompetenza noi ci adagiamo di fronte alla prima offerta, così continuiamo a pagare al nostro operatore telefonico le tariffe di quando abbiamo stipulato il primo contratto per il cellulare, senza renderci conto che nel frattempo molte cose sono cambiate e le compagnie sono state costrette ad abbassare le loro pretese pur di non perdere i clienti. Così come, grazie alla presenza sul mercato di diverse aziende nel settore energetico, oggi si può scegliere con chi stipulare un contratto di fornitura elettrica, riducendo la bolletta.

Ma come si fa ad orientarsi tra tutti questi cambiamenti, rimanendo aggiornati sulle novità e sapendo quando comprare casa e dove, come farsi la pensione privata e come regolarsi di fronte al fisco? Domanda legittima alla quale Libero ha deciso di rispondere con una nuova iniziativa: un inserto giornaliero che da martedì 16 vi illustrerà tutto ciò che c’è da sapere su mutui, azioni, telefonia, investimenti alternativi, tasse, casa, bollette, conti correnti, fondi d’investimento, condominio e assicurazioni. Si tratterà di guide ragionate che giorno dopo giorno accompagneranno i lettori tra le novità di ogni settore, con suggerimenti e consigli pratici per spendere bene il proprio denaro, ma soprattutto per investirlo al meglio senza rimaner vittime di facili illusioni.

«Liberiamoci dalla crisi», interamente scritto dalle migliori firme di Libero, vi accompagnerà durante l’estate, in vista della ripresa. Sarà uno strumento pratico per chi vuole risparmiare ma anche per chi intende far rendere i propri risparmi senza rischiare una fregatura. Ci occuperemo dei problemi quotidiani che incontra una famiglia, perfino di quelli della spesa, senza dimenticare che il miglior investimento è quello che ti evita di buttare i soldi. E, a questo proposito, proprio per cominciare a investire bene, vi assicuriamo che l’iniziativa è gratuita. Da martedì, all’interno di Libero e senza pagare un centesimo in più, troverete le pagine di «Liberiamoci dalla crisi». Buona lettura e, soprattutto, buon investimento.

di Maurizio Belpietro
@BelpietroTweet

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Akito

    30 Settembre 2013 - 16:04

    In parte pregiato direttore i suggerimenti da Lei rilasceti sono eccelsi,purtuttavia vimangono le spese inutili e nello stesso tempo obbligate a farsi ed inoltre rischiamo a perdere le abitazioni,visto che manutenzioni delle mesime sono divenute impossibili,come tenere una macchina,una famiglia. Ripeto bisogna eliminate costoro che non servono a nulla e che guadagnano quattrini rubando,applicare le leggi che furono di Diocleziano.Soprattutto mi irrito quando un tipo come Un docente prende danaro da più parti e lo stesso Santoro che in fondo non dice nulla tranne idiozia è pagato bene.Non ne parliano di Re giorgetto e tutta la marea di maggirdomi e usceri che gli fanno da corte!L'italia non solo è rappresentata bene da Al Capone,ma anche da soggetti che osano decidere sulle sorti degli altri con estrema facilità.Distinti saluti

    Report

    Rispondi

  • encol

    19 Luglio 2013 - 10:10

    è senza dubbio di darVi da fare per toglierci e togliervi la zavorra dei politici che ci sta ammazzando di indecenze. I poveri "cristi" come noi, possono solo scrivere l'indignazione del quotidiano che ci circonda. La vostra, mi riferisco alla forza della stampa, è visibilità ben diversa. Libero lo ha dimostrato in più occasioni di saperli mettere in riga, BENE: FATE DI PIU'

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    15 Luglio 2013 - 18:06

    Bello Pietro, ma brutte le idee.

    Report

    Rispondi

  • ubik

    15 Luglio 2013 - 13:01

    volete ridurre la bolletta della corrente? Spegnete la luce. Grazie belpietro sei un eroe :)

    Report

    Rispondi

blog