Cerca

La sfida delle presidenziali

Timido e insicuro, Obama perde il faccia a faccia con Romney

Il repubblicano esce vittorioso dal confronto in tv con il 67% delle preferenze

Colpo di scena, Barack perde la sfida con Romney più aggressivo e preparato su tasse e occupazione. 
Timido e insicuro, Obama perde il faccia a faccia con Romney

 

Romney-Obama uno a zero. Il primo faccia a faccia tra i due candidati all presidenza americana ha riservato un colpo di scena con lo sfidante repubblicano deciso e aggressivo nel colpire l’avversario sui temi di economia e lavoro, e il presidente in carica meno convincente ma, soprattutto, sulla difensiva, incapace di incalzare il suo avversario. Un esito, dopo un’ora e mezzo di faccia e faccia, subito sottolineato da un sondaggio della Cnn secondo cui è stato Mitt Romney, a uscire vittorioso con il 67% delle preferenze contro il 25% di Barack Obama.  

Il confronto - Nel primo dibattito presidenziale, moderato dal famoso giornalista della PBS Jim Leher, si è svolto secondo il copione previsto ed ha avuto come tema principale del confronto l’economia. Obama è partito all’attacco sulle tasse mentre lo sfidante repubblicano per la Casa Bianca, Romney, ha ribattuto su quello che è considerato il vero tallone di Achille del presidente americano: l'alto livello del tasso di disoccupazione, sopra l’8 per cento. "Sembrava che Obama volesse essere altrove", ha commentato il Washington Post. Dello stesso avviso il famoso giornalista politico della Cnn, John King. "Sembrava che Obama non volesse fronteggiare Romney". 

L'occupazione - La prima domanda ad Obama è stata proprio sul lavoro considerando che nessun presidente americano è mai riuscito a vincere un secondo mandato con un tasso di disoccupazione superiore al 7,2%, dicono le statistiche. Obama si è difeso snocciolando i numeri suo posti di lavoro creati in primo luogo con il salvataggio dell’industria dell’auto. "In America serve un nuovo patriottismo incentrato sulla classe media" ha detto Obama, lanciando una sferzata a Romney che è sostenuto dal miliardario Donald Trump e che non è certo "un esempio di piccolo imprenditore della classe media". 

Le tasse - La ricetta di Romney, "per far ripartire l’America" si basa invece in primo sul taglio delle tasse, l’indipendenza energetica, il raddoppio degli scambi commerciali e una linea dura con la Cina. "Voi tartassate le classe media non è questa la ricetta giusta", ha incalzato Obama. "Non hai capito la mia ricetta - è stata la risposta di Romney - non voglio ridurre le tasse sui ricchi e aumentarle sulla classe media. Voglio ridurre le aliquote per ridurre il carico fiscale generale. Questo è il modo più efficiente per far riprendere il Paese". "Il cammino intrapreso è infruttuoso - ha aggiunto il candidato repubblicano - il presidente ha una visione troppo simile a quella che aveva quattro anni fa: quella di un governo sempre più invadente, con più spese più tasse e più regole". 

La sanità - Pochi i punti di convergenza, limitati al rilancio dell’istruzione pubblica e all’aumento della produzione energetica.   Romney ha attaccato Obama soprattutto sulla riforma sanitaria: "Non taglierò le tasse sui ricchi" e "cancellerò l’Obamacare che uccide posti di lavoro". Così il candidato repubblicano alla Casa Bianca, Mitt Romney, ha attaccato Barack Obama durante il primo dei tre faccia a faccia in tv. Se la riforma della sanità "sarà abolita - ha replicato Obama - saremo alla mercè delle assicurazioni".   Obama ha anche parlato quattro minuti in più rispetto allo sfidante repubblicano Mitt Romney, secondo il countdown della CNN che ha trasmesso l’evento in diretta. Complessivamente il presidente in carica ha parlato 42 minuti e 50 secondi. Obama è stato anche esplicitamente richiamato all’ordine dal moderatore per "aver sforato" il tempo a sua disposizione durante una delle risposte. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • routier

    05 Ottobre 2012 - 09:09

    Ancora un afroamericano incapace alla Casa Bianca sarebbe una catastrofe non solo per gli USA. Speriamo che gli americani si sveglino.

    Report

    Rispondi

  • ortensia

    04 Ottobre 2012 - 21:09

    Obama questa volta ha fatto ancora peggio che con Clint Eastwood.

    Report

    Rispondi

  • paolo44

    04 Ottobre 2012 - 18:06

    Quando fu eletto pensai " un secondo Carter" . é riuscito nell'impresa di superarlo in nullità, elemosinando amicizia dai paesi arabi e prendendo in ricambio schiaffoni. La sua maledetta "primavera araba" è probabilmente più devastante per l'occidente (E sicuramente per l'Italia) della caduta dello Scià. Ha mollato gli amici al potere lasciando gli ex paesi moderati arabi del mediterraneo in balia degli integralisti. Ha tenuto bordone a Sarkozy nella vergognosa campagna di Libia tutta a danno dell'Italia e dell'occidente. Speriamo che vada presto al diavolo, una sua rielezione sarebbe catastrofica.

    Report

    Rispondi

  • lirero

    04 Ottobre 2012 - 15:03

    Della presidenza obama io ricordo un solo fatto eclatante e qualificante: la sua abilità come sterminatore di mosche. In diretta televisiva, con un colpo magistrale, accoppò una di quelle fastidiose presenze volanti. Obama era così certo di avere fatto un colpo grosso da tramandare ai posteri, tanto da pretendere che il cameraman inquadrasse in primo piano la carogna che aveva steso la zampa. Naturalmente a sua imperitura gloria, essendo certo di non poter contare su molto altro di positivo per la sua amministrazione. Peccato non lo abbia ricordato durante il confronto. Ci sono altri due incontri per rimediare e porre così le basi per la rielezione

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog