Cerca

Tartassati

Imu, l'ultima balla del governo Monti: "Non farà male"

Governo-bluff: "La tassa costerà in media 200 euro". E dal 2013 potrebbero essere i sindaci a decidere se applicare l'imposta

Imu, l'ultima balla del governo Monti: "Non farà male"

 

La nuova tassa sulla casa? Non peserà sulle famiglie italiane. Ricordatevi di questa profezia del governo quando dovrete pagare la prima scadenza dell'Imu, a giugno. Oggi i tecnici ripetono come un mantra: il 30% dei proprietari di abitazioni sarà esentato dal balzello, mentre il restante 70% dovrà versare alle casse dello stato in media 200 euro. Ma i conti non tornano: nelle grandi città si pagherà infatti tra 400 e 800 euro. E fare previsioni al ribasso ora non solo è rischioso ma addirittura scorretto: l'aliquota definitiva, infatti, sarà decisa soltanto dopo i consuntivi sulle due prime rate, a dicembre.

 

 

Leggi l'articolo di Francesco De Dominicis su Libero
in edicola oggi, sabato 5 maggio

E allo studio del ministero del tesoro c'è la possibilità che nel 2013 siano i sindaci a decidere se applicare sul loro territorio la tassa sulla prima casa

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tobsem

    16 Maggio 2013 - 15:03

    Questi politicanti da quattro soldi, non si rendono conto che molti di noi hanno una seconda o terza casa, perche' ereditata da zii o nonni, e un solo misero stipendio, a differenza loro (dei politicanti) che quadagnano migliaia di euro senza fare un C....! E' ora di finirla.La Politica, quella vera, e' una cosa seria, fatta da gente seria ed onesta. Ma dov'e' questa gente? Forse in un'altra vita o in un altro pianeta.

    Report

    Rispondi

  • osicran2

    09 Maggio 2012 - 16:04

    Premesso che l'ICI sulla prima casa non si pagava,ed ora sì, facciamo un pò di conti. l'aliquota 4 per mille non ha procurato un aumento rispetto all'ICI prima dell'abolizione; quello che ha aggravato il conto è stata la rivalutazione delle rendite catastali(+60%)che ha spostato la vera aliquota al 10 per mille per le prime case ed al 6 + 7,6 = 13,6 per mille per le seconde case.Senza contare l'ulteriore maggiorazione di aliquota apportata da alcuni comuni alle aliquote basi statali ad es. a Caserta +2 per mille e +3 per mille pari, rispettivamente, al 12 per mille per le prime case ed al 16,6 per mille per le seconde case!E stiamo parlando di rendite virtuali che sulla carta non esistono se non nell'immaginazione di certi politici e che spesso sono relative a cespiti(1^ casa o case sfitte) che procurano solo una quantità di spese di ogni genere e nessuna rendita reale.

    Report

    Rispondi

  • Nino38

    06 Maggio 2012 - 14:02

    Questa tassa è da abolire poichè va a colpire una proprietà fatta con duri sacrifici e per la quale si sta pagando ancora il mutuo.Perchè non togliere i finanziamenti ai partiti i cui introiti spesso sono destinati ad altri scopi? Mio figlio a Roma, prima che Berlusconi abolisse l'Ici, pagava 226 euro, adesso andrà a pagare 407 euro, grazie anche ad Alemanno che, per fare il primo della classe, ha portato l'aliquota base dallo 04% allo 05%. L'incremento per mio figlio è stato dell'80%. Come chiamerà Monti quest'aumento? Per me è un furto. Annibale Antonelli

    Report

    Rispondi

  • binariciuto

    06 Maggio 2012 - 12:12

    Esimio bocconista, la mia ICI prima casa ante-Berlusconi era di circa 600 euro, adesso passerà a 2100 euro, sperando che ti vadano fatalmente di traverso.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog