Cerca

fisco e disperazione

Blitz nella sede delle Entrate
Si arrende il sequestratore
Ostaggio libero dopo 6 ore

In provincia di Bergamo un uomo fa irruzione in una sede dell'Agenzia delle Entrate. Aveva un fucile e minacciava di uccidersi: soffocato dalle tasse

Fine dell'incubo

Il sequestratore Luigi Martinelli dopo la resa, con le manette ai polsi

Un uomo armato di fucile a pompa ed equipaggiato con altre due pistole poco prima delle 16 di giovedì pomeriggio ha fatto irruzione nella sede dell'Agenzia delle Entrate di Romano, in provincia di Bergamo, prendendo in ostaggio una dozzina di persone. Alcuni minuti dopo l'inizio del blitz, sono stati rilasciati tutti gli ostaggi tranne uno, liberato solo pochi minuti prima delle 21, dopo quasi sei ore. La persona sequestrata è un impiegato dell'agenzia, Carmine Morandi, di 56 anni. Intorno alle 21.15 la conclusione della vicenda: il sequestratore si è arreso. Dopo la resa si è appreso soltanto il nome dell'autore del blitz: si tratta di Luigi Martinelli, ha 54 anni e abita a Calcio ma è originario di Covo, centri della Bergamasca. Dagli uffici è uscito ammanettato. E' un ex imprenditore che in passato aveva gestito un'impresa di pulizie.

Colpi di fucile - Secondo le testimonianze poco dopo il blitz nell'Agenza sarebbero stati uditi dei colpi di arma da fuoco all'interno dell'edificio: sarebbero stati sparati contro il soffitto senza provocare feriti. L'uomo, un imprenditore di 50 anni, avrebbe detto ai mediatori intervenuti sul luogo - i carabinieri della Compagnia di Treviglio e gli agenti della polizia di Bergamo - di essere in difficoltà economiche e di volersi suicidare. Un maresciallo dei carabinieri, intorno alle 17, è entrato negli uffici per trattare con il sequestratore che non sarebbe ancora stato identificato. Sono poi  giunti anche i militari della Gdf mentre il piazzale davanti all'entrata è stato recintato per impedire ai curiosi di avvicinarsi. Sul posto c'erano anche le teste di cuoio del Gis dei Carabinieri, che erano pronte. 

I messaggi alla compagna - L'ostaggio, comunque, nelle ore della prigionia aveva mandato un sms in cui diceva: "Sto bene". Successivamente c'è stato un secondo scambio di sms tra l'ostaggio e la sua compagna. La donna è andata sul posto del blitz e ha scritto al partner; il sequestratore ha permesso di rispondere: lui le ha scritto che stava bene. Quindi un altro sms è stato inviato alle 19.49: "Sta finendo, lui mi controlla...". Affermando "sta finendo", l'ostaggio si riferiva alla carica del telefonino cellulare".

"Colloquio con la stampa" - L'uomo aveva avanzato la richiesta di parlare con la stampa, spiegando che solo dopo avrebbe liberato l'ostaggio. Secondo quanto si è appreso, avrebbe ricevuto una serie di cartelle di Equitalia che non è in grado di pagare. Dall'interno dell'edificio l'uomo ha poi gridato alcune frasi sconnesse. Il sequestratore era conosciuto dai dipendenti dell'Agenzia delle Entrate a causa dei suoi debiti.

Le testimonianze - Gli ostaggi liberati pochi minuti dopo il blitz, ha spiegato il sindaco di Romano di Lombardia, Michele Lamera, "hanno raccontato di una persona estremamente agitata ma ragionevole, visto che ha lasciato 14 persone". Il primo cittadino ha spiegato che nella zona "la situazione economica è critica come in tutto il Paese, ma non mi aspettavo un gesto così eclatante". Il sequestratore non è stato ancora identificato, ma Lamera ipotizza che possa essere un residente dei paesi limitrofi.

I militari - Decine di militari presidiavano il piazzale antistante l'entrata della sede dell'Agenzia delle Entrate. Gli agenti impugnavano armi di ordinanza e indossavano giubbotti antiproiettile. Sul posto sono giunti anche diversi funzionari della Questura, mentre in volo sopra l'edificio c'era un elicottero dell'Arma.

 

Romano

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • piffi

    06 Maggio 2012 - 17:05

    Sinceramente mi aspettavo una sommossa generale ,invece cosi non e' stato. Come diceva qualcuno siamo delle pecore e lo abbiamo dimostrato. Questa non e' evasione fiscale questa e' disperazione...!!!e alla disperazione si aggiunge anche la galera , sembra che quel sig. rischia 8 anni di carcere. sicuramente il gesto e' stato discutibile, forse doveva suicidarsi??? la cosa sarebbe passata con una notizia al tg e amen. Scusate ,se lui rischia 8 anni ,Lusi che ha rubato i nostri soldi e tanti, gli daranno l'ergastolo?

    Report

    Rispondi

  • Franztradizione

    04 Maggio 2012 - 12:12

    di leggi e parlamento,e dichiariamo anche che Equitalia è mero esecutore, ma il cardine della ideologia tassomane è sempre il culto della spesa pubblica irresponsabile, tanto caro alle sinistre politiche, culturali ed economiche, come zuccherino per addolcire le masse ed educarle alla pappa pronta e garantita a vita. Dove ha avuto il coraggio di tagliare il caro professore della provvidenza? Da nessuna parte!

    Report

    Rispondi

  • aquila08

    04 Maggio 2012 - 07:07

    Avete visto che l'uomo del popolo pecorone fa solo cazzate che servono a legalizzare e giustificare i politici che sostengono il governo degli Illuminti di Dio,i SuperProfessori loro salvatori?Adesso prepariamoci alla sfilata dei Big Politici e Profeti Istituzionali eletti per spartizione politica,i quali si metteranno in mostra con le vesti da Gran Maestri a predicare consigli,facendo leva sul pietismo per giustificare la disperazione del popolo,facendo dimenticare che i responsabili di questa situazione è solo loro e la chiesa che li ha protetti. UOMO PECORA FA CAZZATE - I REGISTI BURATTINAI GLI ATTENTATI VERI. Cari amici,come dimostrano i fatti gli uomini del popolo si suicidano e al massimo compiono degli atti insensati che non fanno altro che giustificare gli illuminati salva Casta.Basta vedere come sono finite le inchieste sugli attentati terroristici e Magistrati-generali-giornalisti-politici-ecc. trucidati che avevano osato indagare negli affari della famiglia politica con la

    Report

    Rispondi

  • liberal1

    04 Maggio 2012 - 07:07

    ma quale gioco degli evasori chi non ha potuto pagare per debiti verso i fornitori chi no ha potuto fare condoni perché bruciati dalle banche ecc non sono evasori ma devono campare gli evasori la finanza li sta trovando infatti hanno ferrari e altri beni di iperlusso. Questo magari avrà fatto tanti errori magari ha cercato di dimostrare di star bene per dare sicurezza ai clienti magari ha voluto farsi passare per Berlusconi non lo so ma una cosa è certa non è l'unico che sta in queste condizioni e il governo monti ene risponderà davanti a Dio di questi suicidi e anche tutta la politica in primis il PDL e non parliamo dei democristiani dell'UDC che con la scusa dui essere cristiani fanno spallucce e poi i comunisti del PD che non sanno fare un cazzo solo criticare diffidate di chi critica perché nella vita non hanno mai concluso niente. Per fermare l'emorragia dei suicidi ci vuole un condono

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog