Cerca

La reazione

Ruby, Berlusconi: "Boccassini mossa dall'odio, al di là del ridicolo. Povera Italia!

Ruby, Berlusconi: "Boccassini mossa dall'odio, al di là del ridicolo. Povera Italia!

"Non mi è stato possibile ascoltare la requisitoria. Ho letto le agenzie. Che devo dire? Teoremi, illazioni, forzature, falsità ispirate dal pregiudizio e dall'odio, tutto contro l'evidenza, al di là dell'immaginabile e del ridicolo. Ma tutto è consentito sotto lo scudo di una toga. Povera Italia!": è il commento del leader del Pdl Silvio Berlusconi alla richiesta di condanna a 6 anni avanzata dal pm di Milano Ilda Boccassini, nel processo Ruby che vede il Cavaliere accusato di prostituzione e concussione.

Il Pdl: "Assassinio mediatico" - Di "assassinio mediatico-giuridico" parla invece Fabrizio Cicchitto, secondo cui nella requisitoria della Boccassini "c'è un paradossale squilibrio fra l'obiettivo politico che è di prima grandezza, quello di spazzar via Berlusconi dalla scena politica italiana, e lo strumento usato che consiste in un occhio che cerca attraverso il buco della serratura di scrutare i particolari più pruriginosi e piccanti della vita privata dello stesso Berlusconi". Queste toghe, è l'accusa di Cicchitto, vogliono "rivoluzionare la vita politica italiana attraverso l'assassinio per via mediatico-giudiziaria del leader del centrodestra, per il quale hanno votato oltre 9milioni di italiani, fondando tutta l'operazione sulla per nulla provata ipotesi che egli abbia compiuto qualche atto sessuale con Karima El Mahroung". E se il presidente della commissione Finanze alla Camera Daniele Capezzone condivide ("La Boccassini ha gettato la maschera"), Altero Matteoli aggiunge il carico: "La condanna richiesta è lunare, gli argomenti, le parole e i toni utilizzati dal pm Boccassini per giustificarla sono inaccettabili. Esse sono la prova del pregiudizio contro Berlusconi e di una persecuzione politica intollerabile". Per Mariastella Gelmini, vicecapogruppo vicario Pdl alla Camera, la richiesta di interdizione dai pubblici uffici di Berlusconi rappresenta "l'auspicio di neutralizzare il Berlusconi politico".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • xavierpaul

    15 Maggio 2013 - 18:06

    Non mi piace l'idea di una giustizia politicizzata che si accanisce contro un avversario politico, ma noi non viviamo in paese normale. Berlusconi non avrebbe potuto entrare in politica, né rimanerci : è padrone di televisioni e giornali, inoltre, il fatto che possieda aziende , ha reso il suo conflitto di interessi ancora più eclatante, e per giunta, con tutti i problemi che c'erano e ci sono nel paese, ha paralizzato parlamento e senato per farsi fare leggi per lui. Secondo me il centro destra è una cosa, il PDL non è il vero centro destra, o meglio, non è il centro destra come dovrebbe essere: non è altro che un'altra azienda di Berlusconi.

    Report

    Rispondi

  • curcal

    15 Maggio 2013 - 17:05

    menomale che il daltonismo è un deficit del visus non tanto diffuso in Italia .Sono curioso: quale colore per cepisce nei capelli di un giudice milanese?

    Report

    Rispondi

  • xavierpaul

    15 Maggio 2013 - 17:05

    Non mi piace l'idea di una giustizia politicizzata che si accanisce contro un avversario politico, ma noi non viviamo in paese normale. Berlusconi non avrebbe potuto entrare in politica, né rimanerci : è padrone di televisioni e giornali, inoltre, il fatto che possieda aziende , ha reso il suo conflitto di interessi ancora più eclatante, e per giunta, con tutti i problemi che c'erano e ci sono nel paese, ha paralizzato parlamento e senato per farsi fare leggi per lui. Secondo me il centro destra è una cosa, il PDL non è il vero centro destra, o meglio, non è il centro destra come dovrebbe essere: non è altro che un'altra azienda di Berlusconi.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    15 Maggio 2013 - 15:03

    F ijnalmente hai trovato chi se ne fotte dei soldi e fa il suo dovere. E le registrazioni dove le mettiamo. C'é chi dice che non é provata la voce di Silvio... Ridicoli.TNie', c' pure Emilio Fidop, nTarantini, Briatore, la D'Addario, la Minetti che attende il Ministero (secondo proimesse post notturne) VAFFA'. Odio ,? E di che di uno che grugnisce? S iu vanta del 30% ma non dice che l'altro 70 % lo vorrebbe dietro le sbarre

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog