Cerca

Lo scandalo del Carroccio

La laurea di Riccardo Bossi
pagata coi soldi della Lega

Con i soldi del partito pagate due rate per l'iscrizione alla facoltà di Economia

Ma il rampollo del Senatùr non ha mai preso il titolo di studio. Le rate pagate attraverso un rimborso per cassa
Riccardo Bossi

Avrebbero provato a comprare la sua laurea con i soldi della Lega Nord

Ed ecco che dopo la laurea albanese del Trota spuntano i pagamenti per quella, in verità mai ottenuta, del fratello Riccardo (in Economia). Dagli atti dell'inchiesta della procura di Milano è emerso che con i soldi della Lega Nord sarebbero state pagate anche due rate relative all'iscrizione di Bossi Jr alla facoltà di Economia dell'Università dell'Insubria.

I movimenti di cassa - Secondo le analisi dei consulenti tecnici, incaricati dagli inquirenti di analizzare i movimenti di cassa di via Bellerio, due rate - per l'anno 2007-2008 e 2008-2009 - sono state di fatto pagate dal partiti attraverso un rimborso per cassa. La prima rata sarebbe costata 2.723 euro, di cui 50 di mora; la seconda 690 euro di cui parte per la mora. Gli inquirenti proseguiranno gli accertamenti per verificare se ci sono stati altri pagamenti da parte del partito a favore del corso di laurea del primogenito di Umberto Bossi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • osservatore90

    22 Maggio 2012 - 11:11

    Più' che'. Pagato dalla lega ..... pagata dagli italiani. ( i tartassati. anche per pagare costoro). E QUESTA VOLTA ..VERAMENTE A NOSTRA INSAPUTA ,!!!

    Report

    Rispondi

  • Estero75

    17 Maggio 2012 - 23:11

    scoprire che il Trota ha comprato i titoli di lauree mi sconvolge profondamente, sentendolo parlare non mi sarebbe mai e poi mai venuto in mente che egli possa non essere un genio! E chi lo avrebbe mai immaginato...

    Report

    Rispondi

  • sig.nessuno

    17 Maggio 2012 - 20:08

    La lega va in giro dicendo che manca manodopera per i mestieri artigiani perché troppa gente vuole laurearsi... forse volevano dar valore alle lauree (una volta "ottenute") dei protetti eliminando la concorrenza.

    Report

    Rispondi

blog