Cerca

Grane padane

Belsito piazzava l'autista di Bossi in Fincantieri: "Sbattiamocene i coglioni e pensiamo a noi"

A Il lecito su La7 la telefonata intercettata tra l'ex tesoriere del Carroccio e un dirigente del colosso pubblico: posto da manager per Maurizio Barcella. "Ha fatto la scuola professionale, mai fatto un contratto così"

Francesco Belsito e Umberto Bossi

L'autista di Umberto Bossi aveva garantito un contratto da manager in Fincantieri, colosso delle navi da crociera controllato dal Tesoro italiano. Un'azienda pubblica, dunque. Lo afferma, in una telefonata intercettata che sarà trasmessa questa sera da Il Lecito su La7, Francesco Belsito, l'ex tesoriere della Lega al centro dello scandalo dei fondi pubblici usati a fini personali dai vertici del Carroccio. Una nuova scossa, dunque, nel terremoto che ha stravolto i quadri dirigenti del partito. "Sbattiamocene i coglioni e pensiamo a noi", è il succo della telefonata tra Belsito e Maurizio Barcella, ex capo della sicurezza del Senatùr. "Mauri, ho parlato adesso con Scarrone (Sandro Scarrone, capo del personale della Fincantieri, ndr)... Lui mi ha detto guarda, mi ha dato un consiglio: è meglio che venite giù all'una perché poi loro devono pubblicizzare la cassa integrazione, non possono far passare il contratto da dirigente che devono fare casino con il governo. Quindi sbattiamocene i coglioni e pensiamo a noi".

Carriera fulminante - Barcella, in realtà, è qualcosa in più che autista e body guard di Bossi: l'ex segretario leghista l'ha voluto a Roma come capo di gabinetto al Ministero delle Riforme, incarico importante che ha fatto storcere il naso a molti perché il curriculum del prescelto non era strabiliante. Nemmeno Belsito ha un ruolo marginale al di fuori della Lega: è consigliere d'amministrazione, in quota Carroccio, proprio in Fincantieri e negli ultimi mesi ambiva alla poltrona di vicepresidente. Secondo il programma di La7, l'accordo tra Belsito e Bercella e Fincantieri va in porto. Parlando con Belsito, l'ad Fincantieri Giuseppe Bono avrebbe preannunciato una telefonata a Rosi Mauro, all'epoca capo del sindacato padano, vicepresidente del Senato e consigliera privilegiata di Bossi, per informarla "che ho fatto la lettera di assunzione per Barcella e per quell'altro... come si chiama?". L'altro, puntualizza subito Belsito, è "Dalmir Ovieni", fondatore della società consortile Il Quartiere vicina al SinPa e presieduta dalla stessa Mauro.

Lady Bossi sdegnata - Il curriculum, né per Barcella né per Ovieni, è rilevante. Tanto che Belsito, al telefono con la moglie del Senatùr Manuela Marrone quasi si vanta: "...Il direttore (Scarrone, ndr) mi ha detto: Franci, già che siamo in confidenza, guarda che noi a un diplomato di scuola professionale non l'abbiamo mai fatto firmare un contratto del genere. E' la prima volta nella storia della Fincantieri...". E quando Lady Bossi s'arrabbia ("Scuola professionale? Non ha neanche un diploma? Francesco...", Belsito replica candido: "No. Questo qui cosa ha mai fatto nella vita? Tutto gli hanno messo per iscritto. Tutto! Persino la casa! Non è mai uscito un contratto così da quell'azienda, mai!". Qualcosa, però, alla fine deve essere andato storto se è vero, come ricorda Fincantieri, che né Barcella né Ovieni risultano presenti negli organici aziendali. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sparviero

    11 Agosto 2012 - 00:12

    Abbiamo bisogno di qualcosina più fresca.

    Report

    Rispondi

  • peterpanno

    11 Luglio 2012 - 03:03

    Belsito, scarrone, catarrone . ovanemi..tutti cognomi tipicamente padani, soprattutto l'ennesimo amichetto della Rosy (e' peggio di Belen...ma che numeri fa?) poi ha un cognome tipicaneNte albanese..insomma le lega si e' fatta infiltrare dei sui peggiori nemici, e il senatur dove era? comunque era malato e' un pochino si deve essere comprensivi con lui.

    Report

    Rispondi

  • doveteandarvene

    10 Luglio 2012 - 18:06

    Non sono affatto un dipendente statale, anzi direi di essere un libero professionisti che come Lei lavora e paga le tasse. Ho semplicemente espresso il mio pensiero che fosse un insulto o meno questo lo lascio interpretare a Lei. Quello che mi sorprende e' vedere invece quelli come lei che nonostante stanno prosciugando I suoi anzi ( I nostri c/c)se ne resta li a difenderli. Buon per Lei evidentemente non saranno sudati I miei invece caro Marco50 "SI" e odio vedere che ogni giorno qualkuno anzi tutti chi a dx o sx o centro o dove le pare ha rubato un milioncino qui un milioncino li. E siccome la Lega non e' da meno butto giù anche loro. Un saluto a Lei e il suo power ranger...

    Report

    Rispondi

  • doveteandarvene

    10 Luglio 2012 - 18:06

    Non sono affatto un dipendente statale, anzi direi di essere un libero professionisti che come Lei lavora e paga le tasse. Ho semplicemente espresso il mio pensiero che fosse un insulto o meno questo lo lascio interpretare a Lei. Quello che mi sorprende e' vedere invece quelli come lei che nonostante stanno prosciugando I suoi anzi ( I nostri c/c)se ne resta li a difenderli. Buon per Lei evidentemente non saranno sudati I miei invece caro Marco50 "SI" e odio vedere che ogni giorno qualkuno anzi tutti chi a dx o sx o centro o dove le pare ha rubato un milioncino qui un milioncino li. E siccome la Lega non e' da meno butto giù anche loro. Un saluto a Lei e il suo power ranger...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog