Cerca

Laziogate

I furbetti della Regione
che hanno votato il magna-magna

Le indagini: anche le opposizioni d'accordo per far salire da 1 a 14 milioni i soldi ai partiti
I furbetti della Regione 
che hanno votato il magna-magna

Le erogazioni ai gruppi politici della Regione Laziono sono lievitate senza che fosse fornita alcuna giustificazione. Nonostante la norme fissi regole precise per la gestione dei soldi pubblici, le delibere che determinavano i nuovi stanziamenti sono sempre passate all'unanimità, vale a dire con il consenso della maggioranza e opposizione. La rivelazione sul Corriere della Sera, in un articolo di Fiorenza Sarzanini, che scrive come anche il Pd e l'Idv fossero d'accordo per far passare da uno a 14 i milioni di stanziamenti senza una precisa giustificazion. " Il presidente Mario Abruzzese decideva d'accordo con il segretario generale Nazzareno Cecinellli e tutti votavano senza alcuna obiezione o verifica", ha raccontatoo - secondo quanto scrive il Corriere . l'ex capogruppo Franco Fiorito nel suo interrogatorio. E, a dimostrarlo, adesso ci sono le copie degli atti acquisiti la scorsa settimana nella sede della Pisana dagli uomini del Nucleo Valutario per ordine dei magistrati. Il promo provvedimento preso dopo l'elezione della nuova giunta guidata da Renata Polverini risale al 14 dicembre scorso. Il denaro messo a disposizione dai partiti viene aumentato fiono a 5,5 milioni di euro. 

Indaga la Corte dei Conti Il 10 febbraio successivo l'ufficio di presidenza stabilisce che quell'aumento è "congruo" Quando Cecinelli "vista" lap ratica sono presenti anche le opposizioni. Questa è la prima di altre delibere con cui, con una formula generica, si chiedono soldi col consenso anche delle opposizioni. Ora anche la Corte dei Conti sta verificando se le procedure seguite nella distribuzione del denaro siano regolari o se hanno causato danni all'Erario. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • manuelebonbon

    26 Settembre 2012 - 14:02

    Guardi Signora che i fatti di questi giorni riguardano INTERAMENTE la banda di tagliagole agli ordini del suo Cavalier Pompetta. Se qualcuno aveva ancora dubbi ora è estremamente chiaro quale classe politica ha generato lo psiconano di arcore: truffatori, imbroglioni, servi, ruffiani, magnacci mignotte e via a seguire e tutti pagati da noi, anche da lei. Lo immagino che a lei dispiaccia molto e quindi cerchi di consolarsi con vendola e errani ma aspetti almeno che siano questi ultimi sulle prime pagine di tutti i giornali. Provi, vedrà che ce la può fare.

    Report

    Rispondi

  • sardapiemontese

    25 Settembre 2012 - 15:03

    io non ho mai avuto dubbi.....il pd l'idv...e quant'altri predicano bene soltanto perchè a livello giudiziario le loro magagne vengono nascoste....per esempio non si è mai sentita una intercettazione per le ruberie di penati in lombardia.....qualcuno sa qualcosa che so una bella foto o un'altra intercettazione (lo so mi ripeto!!)per l'inquisito governatore dell'emilia romagna e dell'altrettanto inquisito governatore della puglia???? sapete che fine abbiano fatto le cozze pelose del sindaco emiliano? e vogliamo parlare del rinvio a giudizio di "giggino o manettaro"? silenzio di tomba.....poi però li troviamo tutti intervistati da giornalisti rigorosamente di sinistra (non sia mai che per sbaglio gli facciano domande imbarazzanti) a puntare il dito su quel partito sporco e cattivo che è il pdl il quale peraltro ha fatto di tutto ruberie comprese per farsi criticare

    Report

    Rispondi

  • maxgarbo

    25 Settembre 2012 - 11:11

    tutti a casa, basta ingrassare questi signori.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    25 Settembre 2012 - 09:09

    I magna -magna hanno firmato un aumento enorme di prebende, non le hanno rubate. Ed hanno accettato di dare le dimissioni quando la Polverini voleva '''Ve la sentite di andare avanti, andiamo allora...''

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog