Cerca

Polvere sul loden

Monti scarica Bersani per Mps:
"Il Pd con la banca c'entra"
e chiama ancora il Pdl

Monti scarica Bersani per Mps:
"Il Pd con la banca c'entra"
e chiama ancora il Pdl

Mario Monti sente che tira una brutta aria. La campagna elettorale è stata travolta dall bufera del Monte dei Paschi di Siena. Giuseppe Mussari è diventato il tappo che ha fatto saltare i giochi. Riflettori accesi sul Pd e soprattutto sul governo tecnico che ha messo sotto il loden la banca toscana con un bel prestito per evitare che fallisse. Mario Monti respinge ogni accusa: "Il governo ha destinato al Mps la cifra ricavata dall’Imu? Ciò che è stato previsto non è una cifra a fondo perduto, ma un prestito. Ma nulla è stato sborsato finora, è una somma di 2 miliardi, il resto è il rimborso dei precedenti 'Tremonti bond’, sono soldi che comunque andranno rimborsati con alti prestiti, con tassi onerosi", ha spiegato Mario Monti a Radio anch’io. "Cade qualsiasi parallelismo con l’Imu. Eliminando questa nuvola terroristica rispetto agli importi, si tratta di fare chiarezza. Il prestito è stato chiesta dall’Autorità bancaria europea". 

Scarica Bersani - Dunque secondo il premier l'operazione è regolare da parte sua ma non risparmia il Pd di Pier Luigi Bersani: "Il Pd ha sempre avuto molto influenza attraverso la fondazione e la banca, ma non sono venuto qui per attaccare Bersani, ma per attaccare il fenomeno della commistione tra la banca e politica che va ulteriormente sradicato". Per il premier "la commistione tra banca e politica" è "una brutta bestia". Dunque per il Prof, Bersani c'entra eccome nell'affare Mps. E pian piano, con il Pd che comincia ad andare giù sotto i colpi di Mps, Monti in sostanza vuole dare un "avvertimento" a Bersani per non avere polvere sul loden. Il Prof vuole comandare e nel dopo voto vuole un posto in prima fila. Mps è l'arma per ricattare il segretario. Ma Bersani non ci sta e risponde: "Monti ogni giorno trova un difetto al Pd. Ma per un anno non ne ho mai sentiti".

Apertura al Pdl - E allora cosa fare? Basta riprendere le carte in mano e mischiarle ancora una volta. "Siamo con le nostre idee e per superare altre idee", osserva il premier, "saranno le altre forze politiche a fare la scelta se avere una collaborazione con noi, dipenderà da quali politiche metteranno in campo. Quindi massima apertura ai riformisti di Pd e Pdl anche sul tema delle alleanze, stretta chiusura ai massimalisti che impediscono le riforme". Nichi Vendola dunque è ancora il pericolo numero uno per il Prof. E a sorpresa, pur di lasciare affogare Bersani nel mare nero del Monte dei Paschi, Monti riapre al Pdl: "Ci potrebbe anche essere una collaborazione con il Pdl, molti elettori del Pdl sono insoddisfatti, magari il Pdl non sarà sempre guidato da Silvio Berlusconi. Si potrebbe una volta emendata dal tappo che impedisce le riforme dialogare con il Pdl". L'aria si è fatta pesante a sinistra. Monti vuole il timone. Ma il gioco è rischioso. Per prendere voti sia a destra che a sinistra il Prof rischia di perdere i suoi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 654321

    26 Gennaio 2013 - 20:08

    ...senti Ino, siccome io non faccio uso intenso di bananas e quindi sono carente di potassio, non ho capito bene la manovra da 145 miliardi , anche se hai postato 54321 volte il tuo autoverole parere, me la riposti ? Se io povero maldestro la capiro' ti regalero' un chiosco intero di bananas.

    Report

    Rispondi

  • c.camola

    26 Gennaio 2013 - 18:06

    Monti stà facendo il suo gioco esamina ogni partito per poi agire in merito.Stavolta adopererà non più la tecnica della paura ma quella della confusione.Ossia troverà il punto per far urtare una coalizione contro un'altra al fine di rendere l'Italia ingovernabile.Tutto quanto sarà visibile tramite un partito che fino ad ora Le è stato molto vicino.

    Report

    Rispondi

  • INCAZZATONERO69

    26 Gennaio 2013 - 17:05

    ...perchè non andate a pijiarvela n'der culo?Eppure e lo sport più praticato trà i comunistronzi vari quali: becchino sucapalle,renatino dè stòcazzo,tontolomeo babbeo,chrycazzotelofafare,upilulostronzosetu,troionadel1958,baronedestòpardepalle,ecc...Ora,cari sinistronzi di merda,andate sui vialoni con le calze a rete,mettetevi i tacchi più alti che avete,fate scorta di vaselina e cominciate a fare marchette,i vostri padroni vi ordinano di raccoglierte 14 mld di euro,cosi da farsi una pensioncina decente.Francamente pensavo di avere visto le peggiori persone su questa terra ma scopro che alla merda non c'è mai fine,e i comunistronzetti di questo forum me ne danno conferma,invece di tapparsi quei cessi che si trovano per bocca,quantomeno per decenza,continuano a dire delle merdate colossali.Per caso,qualcuno vi paga per rompere il cazzo?Credo di no,penso che lo facciate per "idiozia conclamata con annesso lecchinaggio perpetuo".Ora,venite avanti,che vi inchiappetto uno per uno............

    Report

    Rispondi

  • colombinitullo

    26 Gennaio 2013 - 17:05

    Egr. sig.re, come da lei suggeritomi, mi vedo costretto a fare un po' di ordine nelle sue affermazioni e chiederle delucidazioni:a) Verdini,non me ne frega niente,b)è vero la banca della lega non ha avuto un grande successo evidentemente per l'insipienza degli amministratori(vede che le dò ragione quando la ha?)c)operazioni del duo maledetto(lecite)?quali sono state?me lo dica per favore,d)Alitalia:le ricordo che la compagnia di bandiera è stata mandata a puttane dai suoi consimili ed il salvataggio dal fallimento è stata un'opera tutto sommato pia, e)lei ribatte il fatto dei 145 mld di manovra,me li vorrebbe spiegare?senza link possibilmente.Alla fine la pregherei di non definire "trinariciuto" il sig.Unghiaetc. perchè,come lei ben sa,questo attributo spetta solo ed esclusivamente a voi sinistri in quanto avete mandato il vostro cervello all'ammasso.A questo punto mi pare doveroso spedirle un succhiello per l'apertura della quarta narice.Saludos amigos no pasaran

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog