Cerca

Senza più identità

Mps, Socci: "La sinistra ha tolto l'anima a Siena"

I monti di pietà come Mps furono fondati dai francescani per salvare i poveri da miseria e usura. Dimenticate le origini cristiane, anche l'economia ha fatto crac

Mps, Socci: "La sinistra ha tolto l'anima a Siena"

 

di Antonio Socci

Scivolare sulla finanza derivata. Tragicomico destino quello del Monte dei Paschi, l’unica banca - che io sappia - che sia stata celebrata in un’opera letteraria: i “Cantos” di Ezra Pound. 

Celebrata dal poeta americano perché nei suoi Statuti seicenteschi scoprì una banca per il popolo che si fondava sulla fertilità della terra e sul lavoro, al contrario del modello  della Banca d’Inghilterra. 

Siena per Pound era il simbolo della lotta allo strapotere della finanza e dell’usura.  

Non so se ora Siena perderà la “sua” banca. Mi addolora molto di più che - da tempo - abbia perso la sua anima. «Che vale all’uomo guadagnare il mondo intero se poi perde se stesso?». Fra l’altro è proprio l’anima cristiana della città (oggi dimenticata) che è storicamente alle origini delle sue fortune (anche economiche) e della sua gloria. Lo sanno gli attuali padroni di Siena e i suoi cittadini?

Sta scritto perfino nel simbolo più antico della sua ricchezza, la moneta della Repubblica di Siena, che riportava la formula: «Sena vetus Civitas Virginis». Città della Vergine. Non era un’espressione celebrativa, ma giuridica e politica. 

A tutte le mire dei conquistatori che, nei secoli, si affacciavano all’orizzonte, Siena opponeva la sovranità della sua Regina, la Madonna, garante della libertà e dell’indipendenza della città. È  a lei, l’ “Advocata senensium”, che sempre la città si è affidata, perfino con atto notarile, nei momenti di pericolo (dalla battaglia di Montaperti alla “peste nera” del XIV secolo, dai terremoti fino alla Seconda guerra mondiale).

Anche il famoso ciclo di affreschi politici, detti del Buongoverno e del cattivo governo, realizzato da Ambrogio Lorenzetti nel palazzo pubblico, in filigrana, celebra proprio la regalità di Maria su Siena.

nel segno della vergine

Non a caso a Siena tutto parla di lei e canta la più «umile e alta» delle creature. Dal campanone della Torre del Mangia (si chiama “Sunto” in onore della Madonna Assunta) alla Cattedrale che è un poema di marmo, un trattato di teologia della storia incentrato su Maria; dal Palio (sia quello di luglio che quello di agosto sono feste della Vergine) allo stesso simbolo della città, quella Balzana (lo scudo bianco e nero) che rimanda al bianco e nero della Cattedrale.

Secondo il Gigli, ripreso dal Vannini, la balzana senese sarebbe la «realizzazione araldica dell’aretologia  mariana (castità e umiltà) o addirittura (si potrebbe aggiungere) delle Sue ossimoriche attribuzioni (umile e alta, vergine e madre) o del mistero della Sua maternità (Verbum caro)».  

Alla Madonna è dedicato anche l’Ospedale che sorge ai piedi della cattedrale, fondato nel X secolo dai canonici del Duomo per i bambini esposti e i pellegrini. È  uno dei più antichi e gloriosi ospedali del mondo. 

L’immagine della Madonna a Siena si trova dovunque, da tutti i palii alle antiche biccherne (le tavole dei libri contabili), dalle porte della città all’altar maggiore della Cattedrale (dov’era posta la Maestà di Duccio), dalla sala del palazzo pubblico, dove si trova la Maestà di Simone Martini, ai crocicchi delle strade. 

La stessa  piazza del Campo ha la forma del mantello della Madonna della misericordia, l’icona dove tutta la città si raccoglie sotto la protezione della Madre di Dio.

Dicevamo della moneta con la scritta mariana. Perduta la “Civitas Virginis” (cioè la fede che era il vero tesoro della città), oggi si perde anche la “moneta”, ovvero la banca e la prosperità. È  inevitabile, perché quella prosperità germogliò e fruttificò su un terreno spirituale, di forti valori cristiani. Il Monte dei Paschi - la più antica banca del mondo - nasce infatti come monte di pietà. I monti di pietà sono quelle istituzioni finanziarie senza scopo di lucro pensate dai francescani, e fondate alla fine del XV secolo, per aiutare la crescita economica dei ceti più disagiati e sottrarli da una parte alla miseria, dall’altra all’usura.

C’è soprattutto un santo francescano di Siena, san Bernardino (sulla scia del francescano Giovanni Olivi), alle origini della teoria dell’utilità soggettiva in economia. Luigino Bruni e Alessandra Smerilli hanno dimostrato nel libro “Benedetta economia” che proprio i francescani (e prima i benedettini) hanno posto le basi del sano pensiero economico e della prosperità dei nostri popoli (Murray  Rothbard lamentava che gli economisti si fossero poi allontanati dai pensatori cattolici). È  quella che Stefano Zamagni ha chiamato «l’invenzione dell’economia di mercato civile».

Ma la Siena di oggi neanche ricorda che san Bernardino - una grande figura - è un santo di questa città. Così come santa Caterina, che è patrona d’Italia, compatrona d’Europa e dottore della Chiesa, ma il cui santuario, a Siena, è pressoché sempre deserto e dimenticato. 

Piccolo emblema di questo smarrimento dell’identità e della memoria è stato - tre anni fa - il palio dove attorno al volto della Madonna sono stati disegnati alcuni versetti del Corano, la sura 19. La banale Sinistra del politically correct lasciava il segno di un superficiale sincretismo. 

È  sempre stato problematico per una classe politica non raffinatissima come quella del Pci (poi Pds, Ds e Pd), amministrare una città così carica di storia, di cultura, dove tutto parla della sua antica fede cristiana.  

Agli inizi del Novecento Siena era una città in parte ancora cattolica e laica. Un po’ isolata e asfittica come appare nei romanzi di Federico Tozzi.

la svolta

Dal 1945, con l’urbanizzazione di molti nuclei familiari dalle campagne, il Pci conquista la maggioranza e negli enti locali assume il potere, tenuto pressoché senza interruzione fino ad oggi (sono 67 anni). Ma la borghesia senese, un po’ laica, un po’ cattolica, ha governato istituzioni importanti come l’Ospedale, il Monte dei paschi e l’Università (anch’essa fondata, nel 1240, in pieno medioevo cristiano).

Con i decenni il potere della Sinistra si è allargato sempre più. Vent’anni fa solo il Monte, governato da Dc e socialisti, faceva eccezione. Ma da allora, dalla nascita delle Fondazioni, gli enti locali rossi hanno preso il sopravvento. E la Sinistra a Siena domina senza rivali e senza alcuna opposizione.

Esprime però una classe politica che sembra del tutto estranea alla grande storia della città. Ricordo che negli anni Ottanta il Pci tirò fuori un manifesto per le elezioni che raffigurava la Piazza del Campo. Volevano così celebrare il loro buon governo.

Come se quella piazza di sogno l’avessero fatta loro. Ahimé il Pci a Siena ha saputo fare solo un quartiere satellite, San Miniato, che, nella sua triste bruttezza, ricorda le grigie periferie dei regimi dell’Est. È  il perfetto simbolo dell’epoca rossa. 

Sono rarissimi (uno o al massimo due) i dirigenti comunisti che abbiano saputo sintonizzarsi con la spiritualità e la storia di Siena. Ma va anche detto che tutti sono stati mandati al potere per decenni dal voto degli attuali senesi.  

Siamo un popolo attaccato alle sue antiche tradizioni, ma immemore delle sue origini cristiane. Questa è una città che, grazie al Monte, è vissuta per decenni al di sopra delle sue possibilità e il dorato benessere ha addormentato gli spiriti e annichilito le energie migliori.

Oggi un’eredità immensa (e immeritata) sembra sia stata dilapidata. E la città, bella addormentata, si sveglia in un deserto, senza più un tessuto economico, un’identità e un futuro. Si ripresenteranno, per il governo del Comune di Siena (e tutto il resto), i soliti che da anni sono sulla scena politica, oltretutto senza alcuna idea del futuro? Eppure a Sinistra c’è chi riconosce lealmente che «non siamo stati all’altezza». Possibile che non si sentano in dovere di cambiare tutto?

L’unica speranza per questa bella città è la discontinuità: che facciano tutti un passo indietro, emergano nuove energie, nuove idee e nuovi volti. Questo cataclisma potrebbe portare una rinascita. Ma prima che la sua banca, Siena deve ritrovare un’anima.

www.antoniosocci.com

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • babbone

    08 Settembre 2013 - 19:07

    Socci sei un grande. Comunque Siena rimarrà sempre sotto l'egida di comunisti ottusi, perchè è risaputo, loro non vedono più lontano del proprio naso.

    Report

    Rispondi

  • arrotino2

    08 Settembre 2013 - 12:12

    Tamarro! nello scegliere lo pseudonimo in un impeto di onestà ha usato il diminuitivo, pensando al suo cervello: ma anche col diminuitivo ha esagerato, il livello è molto più basso

    Report

    Rispondi

  • beatles14

    28 Gennaio 2013 - 23:11

    un articolo stupendo, grazie.

    Report

    Rispondi

  • Peo

    28 Gennaio 2013 - 14:02

    ...Però (sentito da me medesimo) Cacciari anni fa disse: "Nei mercati si ride di DIo". Penso avesse ragione.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog