Cerca

A Montichiari

Blitz anti-vivisezione: liberati i cuccioli di beagle

Un gruppo di animalisti è entrato nell'allevamento di Green Hill, nel Bresciano. I cani fatti passare attraverso il filo spinato

Un cucciolo di Beagle viene messo in salvo da un gruppo di persone che manifestano davanti all'allevamento Green Hill di Montichiari, in provincia di Brescia. Un gruppo di animalisti è entrato nell'allevamento e ha liberato i cuccioli tenuti nelle gabbie facendoli poi passare sopra il filo spinato posto sopra le cancellate della struttura. I cani Beagle sono allevati a Montichiari e destinati alla vivisezione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roda41

    06 Maggio 2012 - 09:09

    vorrei si pubblicasse quali risultati davvero,si hanno,avendo sacrificato un cane in quel modo.I farmaci restano dei potenti veleni che curano una cosa e ti sconquassano un'altra e per quali non occorre solo somministrare delle dosi e vedere gli effetti,ma sezionare vivo una povera bestia.QUALE VIVISEZIONE,ha fornito dei farmaci eccezionali? MI FAREBBE PIACERE SAPERE!!!!

    Report

    Rispondi

  • GMTubini

    02 Maggio 2012 - 19:07

    Suvvìa, informaci meglio tu: a che serve, scientificamente parlando, ammazzare un cane?

    Report

    Rispondi

  • binariciuto

    01 Maggio 2012 - 12:12

    Questi talebani malinformati ed in malafede certamente rifiuteranno all'occorrenza l'assunzione dei farmaci salvavita tutti (e lo ripeto, tutti) derivati grazie alla sperimentazione sull'animale. La signora o signorina Brambilla si faccia un giro turistico in qualche ospedale pediatrico e sostenga con i genitori la sua credenza che sono meglio 1000 topolini vivi che un bambino morto. Coglio.ni!

    Report

    Rispondi

  • Il_Presidente

    30 Aprile 2012 - 20:08

    basta con questo cagnarismo ridicolo

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog