Cerca

Lacrime a San Siro

L'addio di Inzaghi al Milan

L'esultanza commossa di Pippo dopo il gol del 2-1 al novara

Filippo Inzaghi lascia il Milan: lacrime a San Siro, lacrime del giocatore. Nella fotografia l'esultanza dopo il gol del 2-1 contro il Novara.

stadio di san siro, milano, italia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • TOMMA

    15 Maggio 2012 - 15:03

    Se fosse vero quello che scrive liberal1 significa che il presidentissimo si è reso conto della modestia di Allegri, ma, visto che Guardiola s'è preso un anno sabbatico, tiene quest'allenatore, e i preparatori agli infortuni, in attesa del migliore in assoluto. Magari...

    Report

    Rispondi

  • liberal1

    15 Maggio 2012 - 06:06

    dietro gli addii c''è quel diavolo di Berlusconi nel senso buono che un furbissimo presidente. Comprerà guardiola e farà un nuovo Milan Stellare. Berlusconi ha fallito politicamente perché i suoi deputati lecchini non gli lo hanno permesso di fare le cose in grande ma qui non ci sono i lecchini si fa quello che dice lui e basta, e quando persegue un obbiettivo lo raggiunge eccome.Scommettiamo?

    Report

    Rispondi

  • Borgofosco

    14 Maggio 2012 - 19:07

    Credo che sia il termine più azzeccato per Pippo che è stato l'autentico 'rapace del gol'. I falchi piroettano in alto e talvolta si posano sulla fune di guardia dei fili dell'alta tensione. Pippo è il falco dei prati verdi di calcio.In campo si avventava su tutti i palloni dandogli una carica elettrica tale che, se i portieri si azzardavano a toccarli, rimanevano folgorati. Questo straordinario atleta, unico come lo ha definito Arrigo Sacchi, lascia il suo Milan. Non sappiamo cosa farà da grande. Sappiamo soltanto che già ci manca. Buona sorte a te 'alta tensione' Pippo!

    Report

    Rispondi

  • TOMMA

    14 Maggio 2012 - 19:07

    A inizio anno avevo pronosticato con gli amici questo fallimento del Milan. Il Lab in primis, ma poi anche Berlusconi che stoppa nel modo che sappiamo,l'acquisto/vendita di Tavez/Pato.Questo giocatore, quando entra, sembra un ragazzino di diciotto anni. Allegri non gli ha permesso di incrementere il personale numero di goals nè in Coppa nè nel Campionato.Gli ha preferito giocatori che davanti alla porta chiudono gli occhi e sparano fuori e questo molte molte volte. Chi si intende di calcio non può non ammirare anche l'ultimo capolavoro di Pippo. Chapeau! Allegri, prima se ne va e meglio sarà per il Milan; magari si rivedranno scambi piacevoli e finisce questo correre tutti dietro alla palla che neanche all'oratorio...

    Report

    Rispondi

blog