Cerca

Inghilterra

Spinge la figlia 16enne alla prostituzione "Meglio escort che banchiere"

Dopo vent'anni passati nel suo bordello, Becky Adams si sente vecchia e vuole cedere il posto alla figlia Emilia

Intervistata dal The Sun, la donna afferma: "Non è un problema morale avere rapporti sessuali con estranei. Non credo che sia sbagliato per le donne vendere i propri corpi. Io certamente non mi pento di aver perso la verginità a 14 anni"

23 Luglio 2012

10
Intervistata dal The Sun, la donna afferma: "Non è un problema morale avere rapporti sessuali con estranei. Non credo che sia sbagliato per le donne vendere i propri corpi. Io certamente non mi pento di aver perso la verginità a 14 anni"

 

Dopo vent'anni passati all'interno del suo bordello, Becky Adams ha pensato bene di lasciare il testimone alla figlia Emilia di appena 16 anni, che sembra essere d'accordo con la madre. La donna si sente troppo vecchia e adesso desidera che sia proprio l'amata figlia a sostituirla nella gestione del locale a luci rosse. Intervistata dal The Sun, miss Adams racconta: "La prostituzione è una professione onesta. Preferirei che Emilia lavorasse come escort che come banchiere". Non contenta la donna continua: "Non è un problema morale avere rapporti sessuali con estranei. Non credo che sia sbagliato per le donne vendere i propri corpi. Io certamente non mi pento di aver perso la verginità a 14 anni".

Un passato che ritorna - Becky, nata e cresciuta nel Galles, ha iniziato a prostituirsi dopo aver ricevuto un'educazione rigida e profondamente religiosa da parte della sua famiglia. La donna si rifiutò di andare all'università, si fidanzò con un criminale e quando la storia finì si trovò costretta a rifugiarsi in una casa chiusa. Da quel momento intraprese la "carriera". Per quanto riguarda la figlia, Becky conclude: "Ovviamente non vorrei che lei diventasse una prostituta che aspetta ad un angolo di strada. Ma non avrei obiezioni se lei a diciotto anni decidesse di diventare una escort di alta classe. Ogni ragazza che ha lavorato per me era la figlia di qualcuno, sarei ipocrita se dicessi che questo lavoro va bene per loro ma non per mia figlia".

 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    allianz

    31 Gennaio 2013 - 09:09

    Da come si presenta la figlia se la vedono la portano al museo degli orrori,in quanto arrecherebbe danni alle casse del casino.Rimane il fatto che la professione della mignotta rimane sempre quello che fa meno danni e sensi di colpa.Se pensiamo che la mignotta oggi come oggi,sembrerebbe assurdo,possiede anche due lauree,di strada ne ha fatta parecchia...

    Report

    Rispondi

  • www.sbucciami.com

    09 Agosto 2012 - 15:03

    Sono entrambe rispettabilissime professioni, forse quella di <a href="http://www.sbucciami.com">escort</a> crea meno problemi alla società e sensi di colpa...

    Report

    Rispondi

  • colombinitullo

    26 Luglio 2012 - 09:09

    la figlia non è un capolavoro ma abbiamo visto nel parlamento italiano di peggio. Un antico detto: " per il suo prezzo di carne al mercato non ne è mai rimasta" e,d'altronde, di persone con il gusto dell'orrido ne abbiamo viste molte.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media