Cerca

Danese

Chiara, "olgettina" per una notte, si pente e ora vuole la rivincita e va a Miss Italia

Due anni fa, la ragazza fu ospite ad Arcore e di quella serata ricorda: "non era una cena elagante, c'erano uomini e donne disposti a tutto"

"Voglio la mia rivincita senza compromessi, ho partecipato alle selezioni di Miss Italia, vincendo la fascia di Miss Sorriso Fiat Piemonte-Valle d’Aosta". Queste le parole della Danese, oggi parte civile al processo Ruby

6 Agosto 2012

6
"Voglio la mia rivincita senza compromessi, ho partecipato alle selezioni di Miss Italia, vincendo la fascia di Miss Sorriso Fiat Piemonte-Valle d’Aosta". Queste le parole della Danese, oggi parte civile al processo Ruby

Sono trascorsi due anni dalla famosa cena di Arcore e Chiara Danese, oggi parte civile al Processo Ruby, non ha dimenticato quell’unica serata trascorsa nella residenza dell'ex premier Silvio Berlusconi."Quella è stata una serata movimentata, mi sentivo a disagio e spaventata perché ho visto cose che non avevo mai visto un ambiente che non si vede tutti i giorni, quelle non erano cene eleganti, le cene eleganti sono tutt'altro, io ho visto altro, un ambiente che non mi piace, ho visto uomini e donne disposti a fare di tutto". Con queste parole la Danese, descrive quella serata. Da quella notte la sua vita è cambiata, è stata male, ha reagito, ha abbandonato il mondo dello spettacolo, adesso lavora in un supermercato di Verbania, dove si occupa dei bambini mentre i genitori fanno la spesa. 

La rivincita - Ma adesso la ragazza cerca la sua rivincita nel mondo della televisione e prova ad entrarci dalla porta principale approdando a Miss Italia: “Ho ricominciato a sfilare: ho partecipato alle selezioni di Miss Italia, vincendo la fascia di Miss Sorriso Fiat Piemonte-Valle d’Aosta. Questo mi dà il diritto di partecipare alle prefinali del concorso a Montecatini. Voglio dimostrare che si può entrare nel mondo dello spettacolo senza scendere a compromessi”.

Parte civile al processo - La Danese oggi vuole dimenticare quella serata confessando di voler trovare un riscatto personale anche nei confronti di tutti quelli che l'hanno definita una escort: "Sono stati due anni difficili, il paesino dove vivo, Gravellona, parla, giudica e non conosce i fatti reali, ho avuto appoggio della mia famiglia ma la gente mi ha definito una "escort e una poco di buono". Oggi, la ragazza è parte civile al processo che vede imputati Lele Mora, Emilio Fede e Nicole Minetti: "Ho deciso di costituirmi parte civile perché ero stufa delle cattiverie gratuite, dei giornalisti sotto casa". Per quanto riguarda l'ex direttore del Tg4, la Danese confessa: "Emilio Fede? Spero solamente di non rivederlo mai più"

 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    allianz

    08 Agosto 2012 - 11:11

    Non mi stupirebbe se vincesse....

    Report

    Rispondi

  • sebin6

    07 Agosto 2012 - 20:08

    il "consumatore finale" e il "cane fido" procacciatore di fanciulle. Certo bisogna capirli e scusarli i 2 vecchi bavosi, davanti una ragazza bella e ingenua. Questi siamo diventati gli italiani; ci meritiamo: ladri, truffatori, mafia, imbonitori, e... anche il cav, ed e. fede.

    Report

    Rispondi

  • sarame

    07 Agosto 2012 - 10:10

    povera cocca così ingenua che credeva di andare a cena dalle suore orsoline .adesso una domanda te la faccio io .Sei sicura di entrare dalla porta principale solo x le tue GRAZIE ? io ho qualche dubbio in effetti sei stata notata x delle feste che adesso dici che non ti è piaciuto ma mamma ti ci ha mandato però.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media