Cerca

Pubblicità mai viste ma vincenti

Guarda gli spot politicamente scorretti più belli

Anche quest'anno, i Chip Shop Awards hanno eletto lo slogan più offensivo dell'anno

Da Gheddafi testimonial per una marca di occhiali a Hitler protagonista dello slogan dei frisbee passando per la campagna anti-suicidi della metropolitana di Londra
I Chip Shop Awards dal 2002 premiano le campagne pubblicitarie più malvagie, offensive e di pessimo gusto dell'anno. Ecco alcuni degli spot o poster finalisti: dagli slogan anti-suicidi creati per la società dei trasporti di Londra che inivitano ad ammazzarsi a casa anziché in metro, il bebè testimonial dei pannolini Pampers, lo spot Ray-Ban ispirato alla fuga di Gheddafi e quello che vede Adolf Hitler testimonial della società danese del frisbee.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog