Cerca

La riforma

Province, ecco la "nuova" mappa d'Italia

Gli enti locali passeranno da 86 a 51, sistema a pieno regime nel 2014

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • encol

    02 Novembre 2012 - 17:05

    Questo succede quando le idee sono molto annebbiate o addirittura non ci sono. Siamo, grazie a Giorgio I, nelle mani di persone tentennanti a partire dal capo. Le province o si tolgono o si lasciano. Non si fanno improbabili minestroni dal gusto sicuramente acido. Così non solo non si risparmia un centesimo ma ci costeranno più di prima. Non scrivo questo tanto per fare il bastian contrario ma, conti alla mano, è così che finirà un provvedimento emesso solo per dare il contentino al popolo esasperato.

    Report

    Rispondi

  • giancgazz

    31 Ottobre 2012 - 20:08

    Ma non dovevano essere abolite tutte con l'istituzione delle regioni? Secondo il decredto la modifica scatta dal 2014!! Ma non lo faranno mai ,si accettano scommesse! é solo demagogia per farci credere che stanno facendo qualcosa per diminuire la spesa pubblica.

    Report

    Rispondi

  • giancgazz

    31 Ottobre 2012 - 20:08

    Ma non dovevano essere abolite tutte con l'istituzione delle regioni? Secondo il decredto la modifica scatta dal 2014!! Ma non lo faranno mai ,si accettano scommesse! é solo demagogia per farci credere che stanno facendo qualcosa per diminuire la spesa pubblica.

    Report

    Rispondi

  • lorenvet

    31 Ottobre 2012 - 19:07

    Sarebbe stato molto meglio eliminarle, tanto sono pochi gli e enti confinanti le cui popolazioni sono contente di unificarsi con le altre, a volte non a torto. Se la costituzione vieta di eliminarle, si potrebbe ancora renderle grandi quanto le rispettive regioni di appartenenza, attribuendo alcune funzioni alla provincia unica regionale e altre alla regione.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog