Cerca

Patrimonio in rovina

Pompei si sta sgretolando
Altri tre crolli nell'area archeologica

Ancora tre crolli nell'area archeologica di Pompei. Nel pomeriggio di sabato si è verificata la caduta di alcune pietre dalla spalletta del quarto arcone sottostante il tempio di Venere. La muratura, interessata da alcune lesioni, era già stata puntellata. L'area è stata interdetta al pubblico. Ieri mattina si è verificato inoltre il crollo del muretto di una tomba della necropoli di Porta Nocera, prospiciente l'antica strada. Il muretto, alto circa 1,70 metri e della lunghezza di circa 3,50 metri, serviva da contenimento del terreno in cui erano state poste le sepolture ed era pertanto costruito contro-terra. Si è provveduto a chiudere tutti gli accessi alla necropoli, che rimarrà chiusa al pubblico fino al completamento delle verifiche del caso e al ripristino del muretto. Un altro crollo negli scavi archeologici di Pompei si è verificato questa mattina. Si tratta del muro di una bottega su Via di Nola, nella Regio V, insula 7, civico 19. La bottega è adiacente a un’area non scavata: le forti piogge degli ultimi giorni hanno causato un piccolo smottamento del terreno, che premendo sull'edificio ha provocato la caduta di parte del muro. L’area, già chiusa al pubblico, è stata ulteriormente transennata.

Il ministro dei Beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini ha convocato d'urgenza per martedì mattina una riunione operativa su Pompei. La riunione - spiega un comunicato - servirà ad avere un rapporto esatto sulle motivazioni dei crolli che hanno interessato il sito archeologico nelle giornate di sabato e domenica e più in generale negli ultimi mesi, a cominciare da quello di dicembre 2013, nonché a verificare l'efficacia degli interventi di ordinaria manutenzione e, complessivamente, a valutare lo stato di attuazione del Grande Progetto Pompei.

Alla riunione, che si terrà alle 10.30 presso il Mibact, parteciperanno il soprintendente incaricato Massimo Osanna, il direttore generale delle antichità, Luigi Malnati, il direttore generale del Grande Progetto Pompei, Giovanni Nistri. Già domenica mattina Nistri, con cui il ministro aveva già avuto un primo incontro giovedì scorso, e Malnati sono stati contattati da Franceschini per avere un report completo sulle ragioni dei crolli avvenuti nel sito archeologico nella serata di sabato e nella mattinata di domenica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blackindustry

    03 Marzo 2014 - 16:04

    Niente da fare...abbiamo permesso fino ad oggi che esseri dannosi come i peggiori veleni gestissero i beni di ognuno di noi, come ad esempio Pompei (che tra l'altro è patrimonio unesco e dunque mi chiedo come mai la comunità internazionale non faccia casino), lasciandola in mano alla malavita organizzata. e' proprio vero che chi on è capace on deve gestire nulla. Altro che parità ed eguaglianza, questi sono valori che devono dare pari opportunità a PROVAREad arrivare, non a governare!

    Report

    Rispondi

  • alvit

    03 Marzo 2014 - 12:12

    komunisti dove siete, sporchi detrattori, calunniatori, esseri infimi . Avete crocifisso Bondi, lo avete sputtanato in lungo e in largo, ma ci dovrà essere una giustizia per tutto. Purtroppo per voi non c'è nessuna speranza, siete solo dei vigliacchi che tirano il sasso e nascondono la mano. Per quel che mi riguarda, con tutti i soldi che abbiamo dato al sud, ai terroni, ai centri sociali, alle assistenti sociali, alle coop rosse e a tutti i parassiti del pubblico impiego e dentro ci mettiamo la massa di nullafacenti ai vari musei e principalmente a Pompei, dovesse crollare tutto, ma proprio tutto, forse sarebbe un bene. La terronia non merita i siti antichi e i musei che all'estero sfrutterebbero al 1000% e non cadrebbe neppuro un sassolino. Incuria komunista, sfacelo komunista. Cetrioloni usati.

    Report

    Rispondi

  • zydeco

    03 Marzo 2014 - 11:11

    Ma come? Non c'e' piu' l'infame ministro Bondi e ci sono ancora I crolli? E di chi e' la colpa stavolta? Che pagliacci! Dove sono tutte le proteste dei sinistri?

    Report

    Rispondi

  • blues188

    03 Marzo 2014 - 11:11

    Perché, perché mai crolla tutto, ma SOLO al SUD? Eppure i soldi arrivano...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog