Cerca

La strategia

Gas, la mossa di Putin: Mosca firma l'accordo con la Cina

In piena crisi ucraina Vladimir Putin aggiunge un ulteriore tassello allo smarcamento dai mercati europei per la vendita del gas russo. Dopo oltre un decennio di trattative Mosca ha firmato un’intesa di lungo termine, 30 anni, per fornire alla Cina 38 miliardi di metri cubi di gas all’anno per un valore complessivo di 400 miliardi di dollari (56 in meno della cifra uscita nei giorni scorsi) come ha confermato l’Ad di Gazprom, Alexei Miller.


L’accordo tra la russa Gazprom e la cinese CNPC partirà dal 2018. Il contratto è stato firmato dai presidenti dei due gruppi, Zhou Jiping, a capo di China National Petroleum Corporation (CNPC), e Alexei Miller, CEO di Gazprom. La firma dell’intesa, avvenuta alla presenza di Vladimir Putin e
Xi Jinping, rappresenta un’importante sviluppo per Mosca che dall’inizio della crisi ucraina sta cercando sbocchi alternativi per vendere il suo gas.

Fino al 2013 l’Europa è stato il primo cliente di Mosca con 160 miliardi di metri cubi acquistati ma la Cina da sola è già da quest’anno sarà un mercato più grande. Pechino prevede di aumentare del 20% le importazioni di gas, per ridurre il peso dell’inquinantissimo carbone per produrre energia elettrica, e arrivare a 186 miliardi di metri cubi. Nonostante le trattative fossero in corso da un decennio la crisi con Kiev e l’Occidente ha spinto Putin ad ccelerare e a concedere uno sconto sul prezzo richiesto, che nei giorni scorsi, secondo indiscrezioni, oscillava in un range tra i 350 e i 400 dollari per mille metri cubi. E proprio sulla cifra inferiore si è raggiunta l’intesa.


In questo modo la pressione delle eventuali sanzioni economiche di Usa e Ue si depotenzia. Mosca, anche se tra 4 anni, avrà un grosso mercato alternativo all’Ue. Ue che salvo un’intesa dell’ultima ora tra Kiev e Mosca rischia dal 3 giugno di trovarsi senza gas dopo che Gazprom ha preteso il pagamento anticipato delle forniture per il mese di giugno (1,66 miliardi di dolati) e il saldo del pregresso pari a 3,5 miliardi. Kiev si rifiuta e pretende che la Russia torni a praticare lo stesso prezzo di 265 dollari per mille metri cubi quando al potere c’era (fino a febbraio) il filo-russo Viktor Yanukovich,
contro i 485 (la cifra più alta chiesta dal colosso ernegetico russo) dollari dal primo aprile. Tecnicamente ora l’ultimo ostacolo tra Mosca e Pechino sarà l’intesa sulla costruzione della condotta che dalla frontiera cinese porterà alla rete di Pechino il gas russo. Da parte sua Mosca ha completato la «Siberian pipeline» che si ferma al confine. Il tratto rimanente è stimato costerà tra i 22 e i 30 miliardi di dollari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Sting

    21 Maggio 2014 - 19:07

    Scorpione non riesci dire qualche cosa meno demenziale, riesci solo a collegare nano Maoberlusca tante stupidaggini con 0 sostanza

    Report

    Rispondi

  • scorpione2

    21 Maggio 2014 - 18:06

    azz. sono diventati tutti comunisti,siete rognati come il nano,state tranquilli putin alla fine si rechera' alla canossa europea e cioe' in germania,si proprio dalla kulona inchiavabile come la definite voi e il vostro nanetto alias MAOBERLUSCA.

    Report

    Rispondi

  • scorpione2

    21 Maggio 2014 - 18:06

    la russia fuori da tutte la competizioni sportive europee e mondiali.

    Report

    Rispondi

  • scorpione2

    21 Maggio 2014 - 18:06

    putin dice,se non mi ridate il nano niente gas

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog