Cerca

Caipirinha obrigado

La Spagna se ne frega: avanti col tuka-tuka

1

Sette gol in due partite, a casa dopo neanche una settimana di Mondiale. Brindiamo tutti insieme con la Spagna, caipirinha per tutti e le offriamo noi, ce li siamo finalmente tolti dai piedi: che palle, da sei anni vincevano sempre loro. Caipirinha per Xavi, quello che ha rotto lo spogliatoio; caipirinha per Del Bosque, un ct da sempre reputato pratico e scafato e che invece ha fatto fuori David Villa e Fabregas e snaturato l'equipo per far posto a un Diego Costa al 22%; caipirinha per Casillas, che dopo aver fatto schifo nella finale di Champions ma essersela portata a casa lo stesso, ha finito i jolly e si è visto; caipirinha per Llorente, il grande escluso che twitta tutto il suo dispiacere ma invece gode come un rospo.

Nella gallery, la nazionale delle Wags: almeno qui, domina la Spagna...



 

Vai con la musica di Shakira, che al chiringuito Libero quaggiù a Ipanema è la morte sua (tipica espressione carioca…). La Spagna è morta, viva la Spagna. Si dice che dietro grandi uomini ci siano grandi donne, di certo dietro grandi calciatori ci sono grandi gnocche, e gli amici di Sport ci aiutano a scoprire che i nazionali spagnoli (ma non solo) oltre al tiki-taka hanno capito come funziona anche il tuka-tuka. Per ora gli resta solo questo da fare in ferie: guardate se è poco…

Tudo joia

di Bombinho
@Texbomb

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • littlefrancisco

    19 Giugno 2014 - 18:06

    Era comunque ritenuta una delle favorite,dalla stampa,per la vittoria finale:per il genere giornalistico anche su temi in cui non ho inibizioni pavloviane da acidi induttori, il prodotto non cambia: scrivo solo cazzate! Per fortuna che esistiamo noi,"esperti"di settore che puntualmente informiamo la gente, altrimenti saremmo tutti nella merda......

    Report

    Rispondi

media