Cerca

Addio Signor Tenente

Asti, Giorgio Faletti: in migliaia per il funerale

Giorgio Faletti non amava i funerali. Diceva sempre: "Se ce la faccio non vengo nemmeno al mio". Ma al suo, di funerale, i fan sono accorsi a migliaia, assiepati all'esterno della Collegiata di San Secondo ad Asti, la sua città, per l'ultimo saluto. E non sono mancati nemmeno gli amici di una vita, Ugo Conti, Enrico Beruschi ma pure Ezio Greggio, Antonio Ricci, Franco Neri. Gli amici del Drive in si sono ritrovati al suo funerale, per regalargli un ultimo sorriso, anche se dipinto su un volto solcato dalle lacrime. Faletti è stato commemorato anche fuori dalla chiesa, con le battute che lo resero celebre e con alcune delle sue gag più note.

Chi era - Scrittore, attore, cantante, paroliere, compositore, sceneggiatore, pittore e comico, Giorgio Faletti ha sperimentato tanti ruoli e si è messo alla prova in tantissimi campi. Dopo la gavetta al Derby negli anni settanta, negli Ottanta diventa uno dei personaggi di punta del programma televisivo di Antonio Ricci Drive In. Poi la musica, nel 1988 pubblica il primo album Colletti bianchì. In seguito le sue due apparizioni a Sanremo: nel '92 in coppia con Orietta Berti e nel '94 col suo grande classico, Signor tenente, che si classifica al secondo posto aggiudicandosi anche il Premio della critica. Nel 2002 inizia pure la sua carriera di scrittore e col solo thriller Io uccido vende più di quattro milioni di copie. Chiude da attore col grande successo di Notte prima degli esami, film del 2006, che gli vale anche la nomination ai David di Donatello.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog