Cerca

Autoscatti incriminati

Scandalo a luci rosse al Palazzo federale di Berna: selfie hot della segretaria trasgressiva

Quale posto migliore per scattarsi selfie hot se non l'ufficio di lavoro? Ancora meglio se l'ufficio si trova nel Palazzo federale di Berna e la protagonista è una segretaria.

La vicenda bollente - Sta facendo scalpore la notizia diffusa dal quotidiano Neue Zürcher Zeitun: la sexy segretaria del Palazzo federale di Berna che pubblicava su Twitter i suoi sexy autoscatti. L'identità della donna non è stata svelata, ma si sa, il web non perdona e le foto ora sono ovunque, nonostante l'account su Twitter sia stato cancellato. A tradire la segretaria trasgressiva sono stati anche i mobili e gli oggetti dell'ufficio federale ben visibili nelle foto. La donna ha tentato di difendersi dicendo che i selfie osè scattati a Palazzo sono parte della sua vità privata. Sì, peccato però che la location non sia poi così privata. Al momento a Berna tutto tace, l'ufficio federale del personale sottolinea che per i dipendenti esiste un codice di comportamento al quale gli impiegati si dovrebbero attenere, ad esempio: "Evitare che la pubblicazione di fotografie private possa danneggiare l’immagine e la buona reputazione della Confederazione". Il punto è che la donna sui social network si definiva come una "segretaria, indecente, insaziabile e insolente", se aggiungiamo che nel tempo libero si diletterebbe con filmini porno amatoriali, l'immagine è presto denigrata.

Le reazioni - I cittadini elvetici su diversi portali online chiedono le dimissioni della giovane donna. Non è così semplice però: un esperto di diritto privato del lavoro presso l'università di San Gallo riferisce che, per la segretaria, piuttosto che il licenziamento, potrebbe essere più probabile un'ammonizione. La segretaria al momento è stata sospesa, dalla politica non si sprecano i commenti, c'è chi dice:"Probabilmente è una nuova forma di trasparenza nell’amministrazione: non si vedono più i vestiti e presto non si vedrà più nemmeno il lavoro". Quello che molti si chiedono è come sia possibile che la donna, sul posto di lavoro, trovasse tutto questo tempo per farsi autoscatti hot.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • stefanoanc64

    07 Agosto 2014 - 15:03

    Per il governo svizzero questa è una vera e propria patata bollente. Dall'Italia le è giunta piena solidarietà dalla Minetti.....

    Report

    Rispondi

    • blues188

      07 Agosto 2014 - 16:04

      .. e anche commenti idioti dei soliti comunisti. Che confermi di persona, stefanoanc64.

      Report

      Rispondi

  • emanuela.ghiotto

    07 Agosto 2014 - 12:12

    e poi noi donne ci lamentiamo di essere trattate come oggetti nei posti di lavoro!!!!!!i ...P:S: c'è molto poco da fare in quell' ufficio ...tanto tempo libero

    Report

    Rispondi