Cerca

Orrori

Andrada Surdeanu, la promessa del tennis di 16 anni pestata in campo dal padre dopo una sconfitta

Ha 16 anni, è rumena, è bella ed è una promessa del tennis. Ha perso una partita, e il padre-allenatore la ha massacrata in campo. "Mi sono messa in ginocchio ed ho messo le mani sulla faccia, in modo che non sarebbe stato più in grado di colpirmi - ha spiegato Andrada Surdeanu -. Mi è uscito sangue dal naso, ero spaventata e tremante". Già, il padre la ha schiaffeggiata brutalmente sul campo, per poi lasciarla distesa per terra, sanguinante. La sua colpa? Aver perso una partita durante un torneo per ragazze in Israele. Ad avvertire i soccorsi sono poi stati gli arbitri che hanno chiamato anche la polizia, facendo arrestare e multare l'uomo, Lucian Surdeanu. Ma in una storia assurda, il fatto forse più assurdo di tutti gli altri è che Andrada ha giustificato il padre: "Non è una bestia - ha poi aggiunto -. E' giusto che mi punisca per gli errori". Non è infatti la prima volta che la piccola Andrara è stata punita per una sconfitta: non solo schiaffi, ma anche la confisca del telefonino cellulare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • donatella.cortellucci

    11 Dicembre 2014 - 15:03

    Significa che le molestie sono di lunga data dovrebbero allontanarla dal padre.

    Report

    Rispondi

  • pestifero

    09 Dicembre 2014 - 16:04

    Ne riparleremo quando sarà maggiorenne e se ne andrà di casa...questo non è sport. Non ha nulla a che fare con lo sport

    Report

    Rispondi

  • carmelo.brullo

    09 Dicembre 2014 - 10:10

    magnaccia e bastardo......la professione registrata sulla sua carta d'identità.

    Report

    Rispondi

  • alvit

    09 Dicembre 2014 - 08:08

    rumeni sono, strano che il padre si interessi e lo fa solo per danaro, di sicuro. I padri rumeni non esistono, non lavorano e pensano solo a far soldi, magari anche facendo battere mogli e figlie. I benpensanti non postino, la realtà è questa purtroppo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog