Cerca

Il vizietto della destra

Tutti i gay di Marine le Pen: prima il sindaco, ora il vice leader

Closer, il settimanale francese che rivelò la relazione clandestina tra Francoise Hollande e Julie Gayet, questa volta mette nei guai Florian Philippot, uno dei vicepresidenti del Front National di Marine Le Pen. Il magazine avrebbe, infatti, scoperto il leader dell'estrema destra francese a Vienna insieme al suo presunto compagno.

Imbarazzo - La scoperta della presunta omosessualità di Philippot è destinata ad imbarazzare l'estrema destra francese, che si oppone strenuamente al riconoscimento delle unioni omosessuali. Il capo di gabinetto di Philippot, Joffrey Bolleè, ha risposto che il politico "non replica a informazioni della stampa scandalistica", ma ha anticipato che "probabilmente" Philippot querelerà la rivista per "violazione della privacy".

Le Pen indignata -  La stessa Le Pen è intervenuta sulla vicenda, dichiarando all'emittente radiofonica Europe 1 che si tratta di una "violazione molto grave delle libertà individuali". Questo tipo di comportamento è "insopportabile, sia che riguardi Philippot che Francois Hollande, la vita privata è sacra", ha aggiunto.

Tutti i gay della Le Pen - Ormai, l'estrema destra francese ha sdognanato quello che per il parito è sempre stato un "tabù" : risale a marzo la notizia dell'omosessualità del neoeletto sindaco Steeve Briois, trasmessa da Liberaciòn . 

Lobby gay in Fn - Già da gennaio dello scorso anno, alcune riviste,come Minute, hanno provveduto a togliere il velo su una presunta "lobby gay", che si identificherebbe con il cerchio magico della presidentessa del Fn e, soprattutto con il suo vicepresidente Florian Philippot, che, nonostante non avesse mai fatto coming out, ora sembra essere stato smascherato dai media. Il fenomeno è attribuito in parte a una «destrizzazione» della comunità omosessuale francese, che vede l’islam come una minaccia. Dall’altro lato, però, non si deve sottovalutare il tentativo di Marine di togliersi l’etichetta di reazionaria proprio attraverso la vicinanza a una comunità alla quale gli storici dell’estrema destra francese, Joseph Beauregard e Nicolas Lebourg, hanno dedicato un capitolo intero della loro opera "Dans l’ombre de Le Pen, Une histoire des numéros 2 du FN".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • libere

    13 Dicembre 2014 - 16:04

    Evidentemente gli omos francesi che non sono succubi dell'imperante conformismo gay, con contorno di matrimoni e folcloristiche esibizioni dei propri fatti privati, non possono che gettarsi tra le braccia della Le Pen... La quale, per fortuna, non è sessuofobica come tanta Destra all'amatriciana.

    Report

    Rispondi

  • ambrogio.brambilla

    13 Dicembre 2014 - 15:03

    Il vostro berlusca i gay se li porta a cena e ne fa propaganda...

    Report

    Rispondi

  • mods2088

    13 Dicembre 2014 - 15:03

    Oggi Salvini parla di tasse, aliquota fissa al 15%, temi cari a tutti coloro che sono di Destra. Ma ad ora questo quotidiano non mette neanche un rigo. Voi non siete di destra, siete solo servi del nano pedofilo il quale vi ha ordinato di boicottare salvini in tutti i modi. La Destra Italiana vi schifa!

    Report

    Rispondi

  • mods2088

    13 Dicembre 2014 - 15:03

    Pur di cercare di screditare Salvini e fare propaganda per il sultano di Arcore, si attacca Marine Le Pen e le idee di Destra come neanche l'Unità farebbe. Vergogna prezzolati!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog