Cerca

Il rientro

Vanessa torna a casa con la kefiah al collo

"Grazie a tutti". Vanessa Marzullo, rientrata in casa a Verdello in provincia di Bergamo, sussurra solo qualche parola per ringraziare "tutti quelli che hanno lavorato" per il rilascio suo e dell’amica Greta "e tutte le persone che hanno pregato per noi". Poi è il padre a incontrare brevemente i giornalisti in attesa fuori dalla casa. "Non ci ha chiesto scusa - spiega - perchè c’era poco da scusarsi....". Per quanto riguarda la prigionia invece "non si possono raccontare 5 mesi in un paio d’ore - sottolinea - Lasciateci riposare qualche giorno poi sarà lei stessa a raccontare tutto".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Franzkeks

    18 Gennaio 2015 - 16:04

    Vanessa Marzullo con la Kefiah al collo. Bruttina, con l'aspetto di una palestinese di HAMAS, dell'Organizzazione terroristica che domina a GAZA, che vuole distruggere Israele e annientare gli Ebrei (ART. 7 della Carta di Hamas) e tratta le donne come oggetti di poco valore. Sei milioni pagati dai contribuenti italiani per farsi sparare addosso, come dice giustamente Alessandro Sallusti.

    Report

    Rispondi

  • AndreaPlazzi

    18 Gennaio 2015 - 14:02

    Titolo idiota

    Report

    Rispondi

  • aldo47

    18 Gennaio 2015 - 14:02

    Scusate spegnammo la luce su queste 2 tipe non ha senso scrivere un rigo in piu

    Report

    Rispondi

  • Pugile

    18 Gennaio 2015 - 12:12

    La ragazza ha uno sguardo, torvo non trovate?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog