Cerca

Ancora lavori

Dai padiglioni ai servizi: ecco l'Expo incompiuto

Certo, c'è stata l'inaugurazione in pompa magna e va detto che il primo giorno di apertura del sito di Expo è stato a tutti gli effetti un successo. Ma le pecche restano. Ci sono padiglioni e intere aree del sito che sono ancora incomplete e che verranno ultimate solo nelle prossime settimane. Incompiuti che ieri sono stati nascosti ma che testimoniano come il tutto non sia stato chiuso in tempo, nonostante le trionfalistiche dichiarazioni di Matteo Renzi.

Gli operai stanno lavorando di notte, quando si spengono i riflettori e i visitatori lasciano il sito. E' allora che betoniere e gru tornano in attività. Annunciato e comprensibile il ritardo del Nepal, che dopo la tragedia del terremoto, come riporta Il Sole 24 Ore, era rimasto praticamente senza operai, dato che quasi tutti i nepalesi avevano lasciato il cantiere per raggiungere le famiglie, e solo in parte la collaborazione di operai italiani (anche volontari) ha potuto sostituirli. Ma anche visitando i cluster (i padiglioni tematici che raccolgono, sotto un tema comune, le aree espositive di diversi Paesi) era impossibile accedere in molti dei Paesi annunciati. Poi ci sono le strutture di servizio come bagni, uffici, bookshop, molte delle quali sono ancora inaccessibili al pubblico o non terminate né pulite. Restano inoltre da ultimare alcune strutture per la sorveglianza, come le telecamere. E se Cardo e Decumano sono tirati a lucido, ben diverso è lo stato delle vie laterali, dove in alcuni punti sono ammassati i detriti da portare via. Infine, uscendo verso il varco Est sono chiuse le strutture tra il Decumano e l'uscita, tra le quali il biopark.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alkhuwarizmi

    07 Maggio 2015 - 03:03

    Anche per l'Expo, occasione e vetrina mondiale, l'Italia dà prova di faciloneria e superficialità.

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    03 Maggio 2015 - 16:04

    Una volta cera "l'incompiuta di Michelangelo", "L'incompiuta di Schubert" ed ora tra questi grandi artisti il "grande bischero toscano" si è intrufolato con "L'incompiuta di Renzi". Ma vi siete accorti che vuole spaziare su tutti i campi, vuole primeggiare in tutto per potersi pavoneggiare e marca il territorio pisciando come un fanno i cani ?

    Report

    Rispondi

  • arwen

    03 Maggio 2015 - 10:10

    Io penso a cosa sarebbe successo se Sivlio, presidente del consiglio, fosse salito su quel palco pronunciando un discorso che nn ha ne capo ne coda e che nn tiene assolutamente conto della realtà. Invece, in questa Italia ormai svuotata di buon senso e ben dell'intelletto, nn succede nulla. Caro spadino65 ma che vuoi rosicare? Ci sono anche i tuoi soldi in questa opera incompiuta, sveglia!

    Report

    Rispondi

  • alvit

    03 Maggio 2015 - 10:10

    Strano, mi sembra vi stiate scordando tutti i milioni che il partito del pentolaio ha messo in saccoccia, attraverso i suoi bambocci, greganti & CO. Di sicuro, milioni mancanti agli imprenditori per portare a temine certi lavori. Sicuramente coloro che hanno pagato sono colpevoli quanto chi ha incassato, ma sappiate che nella casta se non paghi, non lavori. Dite al pd ti restituire tutto il tolto.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog