Cerca

Bandiera nera sulle rovine

Palmira all'Isis, lo Stato islamico ha in mano la Siria. Il ministro di Damasco: "Rovina della civiltà umana"

"La caduta di Palmira è la rovina della civiltà umana". Il drammatico commento del ministro delle Antichità siriano Mamoun Abdulkarim forse non basta a far comprendere quanto sia grave l'avanzata militare dello Stato islamico. Palmira è Patrimonio dell'Umanità dell'Unesco e che i barbari dell'Isis possano accanirsi contro questo inestimabile tesoro archeologico ed artistico è quasi una certezza. L'Unesco stesso ha già reso nota la distruzione di alcuni monumenti, ma il peggio è probabilmente alle porte: il ricordo dello scempio nelle città-gioiello irachene di Hatra e Nimrud, con statue sadicamente demolite a favore di videocamera, è troppo fresco per essere dimenticato. 

Il guaio, però, è che la presa di Palmira è per l'Isis una vittoria simbolica sì, ma anche tremendamente utile dal punto di vista logistico perché consolida il controllo di gran parte della Siria (nelle prossime settimane la marcia verso la capitale Damasco sarà praticamente obbligata) e dall'altro lato rilancia le mire verso l'Iraq. Il ministro siriano Abdulkarim punta il dito contro "l'inazione della comunità internazionale". "Lo Stato islamico sa molto bene che non sarebbe potuto entrare a Palmira, se ci fosse stata una vera volontà internazionale di fermarlo. In quel caso, non sarebbero mai riusciti a entrare nella storica città - ha aggiunto -. Chiediamo alla comunità internazionale di intervenire, perché non è solo la battaglia dell'esercito siriano, ma è la battaglia di tutti i siriani". "Non stanno solo distruggendo monumenti cristiani e atei, ma anche tombe islamiche", è la denuncia del ministro siriano. Per non parlare dei rastrellamenti, delle impiccagioni, delle esecuzioni sommarie dei soldati regolari e dei semplici civili che si stanno consumando negli ultimi giorni. Le fondamenta su cui l'Isis sta costruendo il proprio regno del terrore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • falkrr900

    22 Maggio 2015 - 08:08

    Stiamo parlando di beduini o poco più che si muovono su furgoni toyota in cui è montata una mitragliatrice, utilizzano carri armati di produzione russa di 30 anni fà.I miliziani per quanto pazzi e sanguinari e addestrati all'uso delle armi leggere non dispongono di quello che un comune soldato occidentale ha come equipaggiamento standard.No aviazione, no Marina. Basta volerlo e li si spazza via..

    Report

    Rispondi

  • gio52

    22 Maggio 2015 - 00:12

    I veri colpevoli di queste e delle future distruzioni sono gli imbelli e bastardi governanti europei piu' quell'hussein -obama che ha permesso all' isis anche tutti i massacri di inermi ! Comunque il vero e solo califfo che uscira' da questi conflitti sara' il turco erdogan .(se vincera' le prossime elezioni nessuno lo fermera' ) !

    Report

    Rispondi

  • scoglion

    21 Maggio 2015 - 22:10

    Quando il mondo reagirà sarà la terza guerra mondiale con milioni di morti. Tutto per questo grazie all'inerzia dell'ONU e di Obama e ai loro porci comodi.

    Report

    Rispondi

  • Yossi

    21 Maggio 2015 - 21:09

    Non c è due senza tre, prima saddam poi gheddafi e ora assad avanti così

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog