Cerca

Criminalità organizzata

Milano, preso il terzo latinos della "gang del machete"

Ha un volto il terzo membro della gang che ha aggredito con un machete il capotreno Carlo Di Napoli alla stazione di Villapizzone. È un 19enne originario di El Salvador 19 anni e fa parte della gang di latinos MS13: la polizia lo ha rintracciato nella zona di Porta Genova. Il nome del ragazzo, attualmente disoccupato, è Alexis Ernesto Garcia Rojas ed è già noto alla forze dell’ordine: nel 2013 era stato arrestato nell’ambito dell’operazione della squadra mobile di Milano ’Mareros’, che aveva sgominato una serie di baby gang latino americane, e a suo carico risultano precedenti per associazione a delinquere, lesioni e rapina. Il provvedimento di fermo nei suoi confronti è stato emesso dal pm di Milano Lucia Minutella. Al momento, il 19enne era stato affidato in prova a una comunità. Alla sua individuazione si è arrivati grazie alle immagini delle telecamere presenti sul convoglio.

Il responsabile - Gli altri due giovani, Jackson Jahir Lopez Trivino, 20enne ecuadoriano che risulterebbe non in regola in Italia, e Josè Emilio Rosa Martinez, salvadoregno 19enne, devono rispondere di tentato omicidio. Le manette per i due, appartenenti alla banda di latinos MS13, sono scattate dopo un lungo interrogatorio condotto negli uffici della Squadra mobile dal procuratore aggiunto Alberto Nobili. Martinez, che ha un figlio di 6 mesi, è colui che, stando ad alcuni elementi investigativi, come l'analisi dei filmati delle telecamere di sorveglianza, ma anche a dichiarazioni da lui stesso messe a verbale, avrebbe tirato fuori il machete che teneva nascosto nei pantaloni e colpito per uccidere. Tanto che Di Napoli è stato preso sul braccio sinistro, quasi amputato, perchè stava cercando di proteggersi. Si è chiuso, invece, in un mutismo assoluto, davanti agli investigatori, Trivino, già noto agli agenti della Mobile in quanto coinvolto con l'appellativo di 'Peligro' (pericolo) nell'operazione 'Maredos' del 2013 che portò all'arresto di 25 persone, tra cui 7 minorenni, per la maggior parte salvadoregni, affiliati all'associazione criminale 'MS13'. Come aveva scritto il gip Andrea Salemme in un provvedimento d'arresto la "Mara Salvatrucha 13" è caratterizzata "da una struttura gerarchico-verticistica" e "negli Stati Uniti è considerata seconda solo a Cosa Nostra".

L'aggressione - L''aggressione, stando a quanto ricostruito, sarebbe avvenuta al termine di una serata trascorsa dai ragazzi della gang a bere alcolici in un parco. I due arrestati avrebbero bevuto molta vodka in un parco in zona Certosa assieme ad altri 7-8 giovani, tra cui una ragazza. Sarebbero saliti alla fermata precedente a quella di Villapizzone, dove poi una parte è scesa lasciando sul treno, che copre la tratta dal sito dell'Expo fino a Rogoredo, solo quattro ragazzi. In quel momento si è avvicinato il capotreno per chiedere i biglietti e, secondo quanto riferiscono fonti investigative, il salvadoregno ha sferrato il colpo di machete per "difendere" l'amico dalla richiesta. Sembra, infatti, che solo uno dei quattro avesse il biglietto. Il gruppetto, poi, ha aggredito anche un altro ferroviere intervenuto per aiutare il collega, prima di scappare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Janses68

    22 Giugno 2015 - 10:10

    Via dall'Italia subito o altrimenti sbranati dai cani .....

    Report

    Rispondi

  • millycarlino

    14 Giugno 2015 - 11:11

    Non vi preoccupate fin che sono in mano della polizia siamo al sicuro, appena entreranno in scena i giudici, chiudiamoci pure in casa poiché ce li vedremo circolare per strada dopo pochi giorni "la sentenza". Milly Carlino

    Report

    Rispondi

  • Karl Oscar

    14 Giugno 2015 - 09:09

    Grande paese l'Italia,accoglie tutta la feccia del mondo: I politici ne fanno un business e si arricchiscono alle spalle dei cittadini che dovrebbereo rappresentare: Siamo candidati al podio dei Coglion people,con medaglia d'oro

    Report

    Rispondi

  • Karl Oscar

    14 Giugno 2015 - 09:09

    Grande paese l'Italia,accoglie tutta la feccia del mondo: I politici ne fanno un business e si arricchiscono alle spalle dei cittadini che dovrebbereo rappresentare: Siamo candidati al podio dei Coglion peple,con medaglia d'oro

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog